Questo articolo è stato letto 204 volte

900 milioni a tempo indeterminato per Province e Città metropolitane

Province e Città metropolitane

In arrivo 900 milioni di euro per sostenere i conti di Province e Città metropolitane (con le Province appena uscite dalle tornate elettorali di ottobre e di domenica scorsa). I fondi saranno così suddivisi: 650 milioni sono destinati alle Province vere e proprie, mentre gli altri 250 dovrebbero confluire nelle casse delle Città metropolitane.

La dote, idonea ad azzerare la terza rata del taglio aggiuntivo previsto per quest’anno dalla Manovra del 2015, sarà pescata dai due fondi “indifferenziati” che l’ultima legge di bilancio ha istituito per Regioni ed Enti locali, per un totale da 3 miliardi di euro.

Per le Città metropolitane e le “sopravvissute” Province i 900 milioni giungeranno entro gennaio da un decreto di Palazzo Chigi, attuativo della Manovra, che è già stato redatto ed ora attende l’iter dei pareri. Questi fondi non sono tuttavia sufficienti a riportare le entrate ai livelli 2016, quando gli enti di area vasta hanno potuto contare anche su 200 milioni extra da rinegoziazione dei mutui e contributi straordinari. È altresì vero che costituiscono una novità importante rispetto agli interventi spot del passato: il fondo è infatti strutturale, già previsto a tempo indeterminato (con variazioni minime dopo il 2027 e il 2047).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *