Questo articolo è stato letto 346 volte

Il Decreto Rilancio è legge: l’ok definitivo del Senato

Il Decreto Rilancio è legge: l’ok definitivo del Senato

L’aula del Senato ha votato nella giornata di ieri la fiducia sul testo di conversione del Decreto Rilancio chiesta dal Governo: 159 voti a favore, 121 contrari e nessun astenuto (al voto hanno partecipato 280 senatori su 281 presenti e la maggioranza necessaria era di 141). Ora entrerà nel vivo la partita dell’attuazione: per dispiegare al 100% i suoi effetti, il Decreto Rilancio ha bisogno del varo di 155 provvedimenti attuativi tra decreti ministeriali e altri atti di agenzie e istituzioni coinvolte.
Il testo licenziato da Palazzo Madama è identico a quello che ha già avuto l’ok della Camera lo scorso 9 luglio (dopo il via libera del Consiglio dei ministri, era entrato in vigore il 19 maggio e di conseguenza andava convertito in legge entro la giornata di domani). Il decreto legge 34/2020 prevede interventi per un valore di 55 miliardi di euro per limitare l’impatto economico dell’emergenza Coronavirus su imprese, lavoratori con partite Iva, dipendenti, famiglie e terzo settore.

Nel decreto legge n. 34/2020 (cd. Decreto Rilancio), appena convertito in legge (IL TESTO), spiccano i ritocchi alla disciplina del superbonus del 110% per specifici interventi di riqualificazione energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici: su tutti, l’estensione dell’agevolazione alle seconde case e la ridefinizione dei massimali di spesa per alcuni interventi. Ci sono, poi ulteriori incentivi per l’acquisto di autoveicoli nuovi, meno tasse nel territorio del comune di Campione d’Italia, lo slittamento a metà novembre degli adempimenti per la rivalutazione di terreni e partecipazioni posseduti alla data del 1° luglio 2020.

>> Nella tabella che alleghiamo di seguito sono riassunte le principali novità fiscali arrivate durante l’iter parlamentare: LA TABELLA RIASSUNTIVA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *