Questo articolo è stato letto 1.136 volte

Rinnovo contratto dirigenti e segretari: l’atto di indirizzo all’ARAN

Rinnovo contratto dirigenti e segretari

Una novità che promette diversi punti innovativi nel quadro degli Enti Locali. Infatti il Comitato di settore delle Autonomie locali, insieme a quello delle Regioni, ha approvato l’atto di indirizzo all’ARAN per il rinnovo del contratto dei dirigenti e dei segretari comunali e provinciali.

La situazione attuale

“Il contratto arriva dopo dieci anni di vacanza”, ricorda il presidente del Comitato di settore, Umberto di Primio, sindaco di Chieti e vicepresidente ANCI, “di conseguenza molti istituti dovranno essere rivisti in profondità ed attualizzati a un quadro normativo sensibilmente mutato”. Il nuovo contratto riguarderà circa 15.000 dirigenti di Comuni, province, città metropolitane, regioni, camere di commercio, segretari comunali e provinciali, dirigenti professionali, tecnici e amministrativi del SSN.

Le novità in arrivo

Di Primio si sofferma sulle principali linee di indirizzo focalizzate nel contratto: “Semplificazione degli istituti economici, dalla retribuzione di posizione alla disciplina del fondo della dirigenza, sviluppo degli strumenti utili ad aggiornare e accrescere la professionalità e le competenze, fino al potenziamento degli strumenti di flessibilità, come la mobilità e le aspettative”. “Altro elemento fortemente innovativo è la convergenza nella medesima Area di contrattazione dei segretari comunali e provinciali. Per questa ragione – conclude il vice presidente ANCI – abbiamo deciso che sarà costituita una specifica sezione contrattuale per valorizzare queste figure di vertice, ove andranno definiti concretamente i contenuti delle attività di sovraintendenza e coordinamento assegnati dal TUEL ai segretari”.

Trattasi di un atto di indirizzo che rappresenta un segnale importante e predispone ad ulteriori passi in avanti per tutto il settore”. Queste le parole attraverso cui Sergio Venturi, presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità, ha annunciato che il Comitato di settore Regioni insieme a quello delle Autonomie Locali, ha approvato l’atto di indirizzo all’ARAN per il rinnovo del contratto dei dirigenti regionali e degli Enti locali.
“Abbiamo sbloccato una situazione che si protraeva da diversi anni. – spiega Venturi – Ora si tratta di aggiornare le norme che porteranno ad un nuovo contratto per circa 15mila dirigenti inseriti in ambiti amministrativi diversi: Comuni, Province, Regioni, Camere di Commercio e, per questo triennio contrattuale – in attuazione dell’art. 1, comma 687 della legge 145 del 2018 – dirigenti professionali, tecnici e amministrativi del Servizio Sanitario Nazionale.
“Tra gli aspetti da sottolineare – aggiunge Venturi – la razionalizzazione degli istituti economici e la valorizzazione delle professionalità e delle competenze. Inseriti anche migliori strumenti di flessibilità, come la mobilità e le aspettative”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *