Questo articolo è stato letto 0 volte

Voucher per l’innovazione, anche ai singoli

Li hanno chiamati “innovation voucher” proprio perché sono dei buoni che la Regione destinerà a chi intende fare innovazione. E non sono destinati necessariamente a imprese di una certa consistenza, ma anche a singoli ricercatori che intendono portare avanti un progetto in proprio. Il loro ammontare? Ventimila euro per ciascun beneficiario. La misura, che fa parte del Piano straordinario per l’occupazione varato a giugno, è stata deliberata ieri dalla giunta regionale, che per attuarla ha messo a disposizione sette milioni di euro provenienti dal proprio bilancio 2010. A smistarli ci penserà Finpiemonte, la società Finanziaria controllata dalla Regione, che valuterà i progetti ed erogherà i voucher in base a dei criteri ben precisi. L’agevolazione sarà infatti concessa come contributo a fondo perduto per coprire al massimo il 70 per cento dei costi del progetto di ricerca. Ma la percentuale salirà all’80 per cento nel caso in cui a presentare la domanda sia un raggruppamento di soggetti, e al 100 per cento per beneficiari con età inferiore ai 35 anni oppure con carichi di cura. Ad approfittare degli innovation vou-cher potranno essere persone fisiche, liberi professionisti, microimprese o anche Pmi, come concordato tra l’assessore allo Sviluppo economico, Massimo Giordano, le associazioni di categoria e le parti sociali, che insieme hanno anche definito le percentuali di copertura delle spese per ciascuna categoria di beneficiari. L’idea, si legge nel testo della delibera di giunta, è di «sostenere l’ideazione, lo sviluppo, la realizzazione e la diffusione in forma tutelata di idee innovative, espressione del talento di singoli individui o di piccole e medie realtà produttive».

Continua a leggere su: Repubblica, Torino

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>