Questo articolo è stato letto 0 volte

«Verificare che i comuni poveri lo siano davvero»

ROMA – «Speriamo che i comuni meno fortunati lo siano davvero ». È l’auspicio del sindaco di Mantova Nicola Sodano (Pdl) in vista del federalismo municipale. Ed è un punto di vista curioso poiché giunge da chi guida l’ente con il gettito immobiliare pro capite più alto ma è nato in quella dalle performance più basse (Crotone). Con che occhi guarda al federalismo? Da calcoli fatti con i miei collaboratori oggi il mio comune incassa 29 milioni di cui 16 dall’Ici e 13 dai trasferimenti, con il meccanismo pensato da Tremonti che ci porterà a introitare tutto l’introitabile non supereremo i 25 milioni. Perdere 4 milioni per un piccolo comune non è facile. È d’accordo ad aiutare i comuni poveri? In teoria sì purché i comuni poveri lo siano davvero e non perché individuati con parametri non veritieri. Noi siamo primi perché abbiamo un’elusione fiscale bassissima e le rendite catastali aggiornatissime. Perciò servono delle misure per aggiornare le rendite catastali di tutti o introdurre coefficienti correttivi.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>