Questo articolo è stato letto 0 volte

Ue, consultazione aperta per migliorare la strategia sui fondi per il clima

L’Unione europea ha avviato una consultazione per identificare modalità e fonti di finanziamento mirati soprattutto ad affrontare le conseguenze del cambiamento climatico, la gestione delle risorse e per garantire la sicurezza alimentare.
I suggerimenti contribuiranno a mettere a punto eventuali miglioramenti da apportare al regime di finanziamenti per il comparto Ricerca&Sviluppo, in modo da favorire la partecipazione e migliorare le procedure di finanziamento. Si tratta di rafforzare la strategia comune proposta all’ interno del Libro Verde, identificando una serie di strumenti che sostengano tutte le fasi della catena di innovazione a partire dalla ricerca di base fino all’immissione sul mercato di prodotti altamente tecnologici, procedendo al tempo stesso alla semplificazione delle regole e degli iter burocratici.
Tutti potranno collaborare alla messa a punto del perfezionamento della strategia, compilando un questionario, scrivendo sul blog interattivo o partecipando agli eventi organizzati per allargare la mappa dei soggetti invitati alla consultazione. Il vero obiettivo è quello di valorizzare al massimo il valore di ogni euro che l’Ue investe in ricerca e innovazione, in modo che si esalti il loro enorme potenziale per generare crescita e posti di lavoro e migliorare la qualità della vita in Europa di fronte a sfide formidabili come il cambiamento climatico, l’efficienza energetica e la sicurezza alimentare.
Realizzando programmi più coerenti e più semplici da realizzare si aiuteranno la ricerca e la tecnologia applicata. Anche in attuazione di uno tra gli obiettivi centrali del Quadro comune Strategico contenuto nel Libro Verde, quello che riguarda le metodologie per affrontare le sfide collegate al cambiamento climatico, tenendo sempre in primo piano l’ importanza dell’uso razionale delle risorse oltre alla sicurezza alimentare passando poi alla salute e all’invecchiamento della popolazione e cercando di stimolare la competitività tra i paesi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>