Questo articolo è stato letto 12 volte

TIA e TARSU hanno la stessa natura: niente tassa per le aree che producono rifiuti speciali

Con riferimento alla TIA la Cassazione, sez. V civile, con la sentenza n. 9848/2016, pubblicata il 13 maggio 2016, ha ritenuto che questa rivesta la stessa natura tributaria della TARSU, in base a quanto stabilito dalla Corte costituzionale con la pronuncia n. 64 del 2010, per cui si rende applicabile ad essa la disposizione dell’art. 62, comma 3, del d.lgs. 507/1993 secondo  cui “nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella parte di essa ove per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione  si formano, di regola, RIFIUTI SPECIALI,” fermo restando che incombe al contribuente fornire i dati relativi alla esistenza ed alla delimitazione delle aree stesse.

Per la stessa ragione, secondo la Cassazione, deve ritenersi altresì  applicabile l’articolo 49, commi 3 e 14, del d.lgs. 22/1997, laddove stabilisce che “la tariffa deve essere applicata nei confronti di chiunque occupi oppure conduca locali o aree scoperte ad uso privato non costituenti accessorio  o pertinenza dei locali medesimi, a qualunque uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale, salva l’applicazione sulla stessa di un coefficiente di riduzione proporzionale alla quantità dei RIFIUTI ASSIMILATI che il produttore dimostri di avere avviato al recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi”.

La questione riguardava il ricorso proposto avverso gli ATTI DI ACCERTAMENTO da parte del gestore di una falegnameria che sosteneva di non dover pagare la TIA in quanto lo stesso provvedeva direttamente allo smaltimento dei rifiuti speciali derivanti dalla lavorazione del legno.

La Cassazione ha, quindi, posto fine ad un cospicuo contenzioso formatosi al riguardo ed ha sentenziato l’applicabilità della tassa ai locali destinati esclusivamente alla produzione di RIFIUTI URBANI (OD ASSIMILATI)  e non di  quelli SPECIALI, quali appunto quelli derivanti dalla lavorazione del legno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *