Questo articolo è stato letto 4 volte

Sulla strada della conversione del d.l. Enti Locali: le proposte di emendamento

Sono state dichiarate ammissibili circa la metà (370 proposte di modifiche su 975) delle proposte di emendamento presentate nei confronti del c.d. Decreto Enti Locali (d.l. 24 giugno 2016, n. 113) presso la commissione Bilancio alla Camera. A non superare il vaglio di ammissibilità è stata, tra le altre, la modifica che chiedeva di congelare il rinnovo delle amministrazioni provinciali in scadenza in attesa del referendum costituzionale. Ora sarà compito del Governo decidere se intervenire o meno. Dichiarato ammissibile invece ’emendamento che destina direttamente alle Province i 100 milioni previsti dalla legge di Stabilità nella dotazione ANAS per le strade extraurbane.

Proprio quest’ultima era una delle richieste gridate a gran voce dai rappresentanti Upi (Unione delle Province Italiane) negli scorsi giorni dinnanzi alla commissione Bilancio.

Consulta anche le proposte di emendamento in merito presentate dall’ANCI.

Tra le richieste enumerate dai rappresentati dell’Upi emergevano la cancellazione totale di tutte le sanzioni – non solo di quelle di ordine finanziario – previste a carico delle Province che abbiano sforato il patto di stabilità 2015 a causa dei tagli imposti dalla manovra economica, oltre al permesso di consentire l’utilizzo degli introiti da alienazioni di beni immobili e patrimoniali effettuate nel 2015 e 2016 dalle Province per chiudere i bilanci in equilibrio

Scarica il Documento UPI relativo all’audizione

Scarica qui invece il fascicolo emendativo firmato Upi con tutte le proposte messe sul tavolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *