Questo articolo è stato letto 0 volte

Sui pagamenti rinvio della direttiva

La commissione Bilancio della Camera ha chiesto che sia tolto dalla legge Comunitaria 2011 il recepimento della direttiva Ue sul ritardo dei pagamenti. I deputati hanno votato ieri un parere alla commissione Politiche Ue in cui si chiede di rinviare l’adozione delle norme. Intanto la Ragioneria dello Stato ha messo in guardia sugli effetti finanziari dell’adozione delle nuove regole. «Si ritiene necessario rinviare il recepimento della direttiva, tenuto conto che la scadenza per l’adeguamento degli ordinamenti nazionali è fissata al 16 marzo 2013, con facoltà di escludere dall’applicazione della stessa i contratti stipulati anteriormente a tale data».
La Rgs, in una nota consegnata in commissione, ribadisce «i profili di indubbia onerosità per la finanza pubblica» della norma che dà attuazione alla direttiva europea. Nella nota si rileva che l’introduzione dei termini previsti dalle norme Ue, «in assenza di un contestuale adeguamento delle vigenti procedure di pagamento in ambito pubblico (peraltro non scevro da oneri finanziari) e stante la situazione di forte ritardo nelle erogazioni, darebbe luogo al conseguente addebito di interessi moratori a carico dell’erario, non quantificabili ex ante e privi della relativa copertura, con grave pregiudizio per gli equilibri di finanza pubblica».
La Ragioneria aggiunge poi che, in attesa dell’attuazione della direttiva, potranno «essere introdotte le necessarie modifiche normative e amministrative, reperendo le necessarie risorse, volte al graduale smaltimento dei debiti pregressi (al fine di evitare conseguenze negative sul fabbisogno e quindi sul debito), all’accelerazione dei pagamenti e all’uso generalizzato dei sistemi automatizzati» che consentiranno di effettuare i pagamenti entro i termini previsti dalla direttiva europea senza far quindi scattare «sanzioni e penalità finanziarie».

Fonte: Il Sole 24Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>