Questo articolo è stato letto 0 volte

Stipendi d’oro in Comune denuncia alla Corte dei Conti

Il Codacons ha depositato ieri un esposto alla Corte dei Conti del Lazio, relativo ai compensi spettanti a manager e dirigenti di aziende legate al Comune. «Gli stipendi d’oro dei superdirigenti delle aziende capitoline nelle società partecipate (interamente o in parte) dal Comune, rappresentano una questione che purtroppo va avanti da anni, un modus operandi che il sindaco Alemanno sembrerebbe avere ereditato e replicato – spiega l’associazione nell’esposto – Il compenso di alcuni dirigenti, infatti, si aggirerebbe intorno ai 500 mila euro annui superando di gran lunga quello del sindaco Gianni Alemanno pari a 130.172 euro». «Per il caso di società a totale partecipazione pubblica, al Presidente e ai componenti del Consiglio di amministrazione possono essere riconosciuti rispettivamente non più dell’80 e del 70 per cento dell’in-dennità spettante al rappresentante legale del socio pubblico, cioè in questo caso il sindaco».

Continua a leggere su: Repubblica, Roma

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>