Questo articolo è stato letto 0 volte

Stand-by tecnico per l’accreditamento

Fermo “tecnico” ai blocchi di partenza. Due delle province del nord che nel giorno dell’esordio del Suap restano ancora alla casella zero, Vercelli e Imperia, sono destinate a un rapido allineamento. «Nel nostro caso – racconta Andrea Corsaro, a capo della giunta del comune piemontese capoluogo – l’assenza è quanto mai paradossale. In attesa di partire tra qualche giorno con la Suap, rappresentiamo un comune che negli ultimi anni ha varato una politica di digitalizzazione complessiva dei servizi, unita a una strategia di reindustrializzazione reale, ottenuta offrendo terreni per capannoni a 10 euro, e finanziando tra l’altro la sanità locale con il ricavato. I risultati lo dimostrano con un’evidenza che cancella ogni dubbio». Lo Suap, invece, è temporaneamente al palo per «la lentezza dell’accreditamento, ma tra pochi giorni saremo operativi pure su quel fronte e la digitalizzazione sarà completa». Anche Imperia oggi dovrà continuare a contare sul doppio binario. «Abbiamo avuto solo una decina di giorni per preparare la documentazione – dice l’assessore di Imperia, Giovanni Amoretti – ma tra brevissimo saremo accreditati. Qui la realtà è fatta di 67 comuni per 200mila abitanti, c’è un obiettivo problema di costi e di gestioni per i servizi pubblici comunali. Invece la realtà imprenditoriale, ormai centrata sul terziario, dà ogni anno un saldo positivo tra aperture e chiusure».

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>