Questo articolo è stato letto 471 volte

Split payment e chiarimenti per versamento acconto IVA

Split payment

L’Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 28/E del 15 dicembre 2017, con cui chiarisce le modalità di calcolo dell’acconto IVA, che dovrà essere versato entro il prossimo 27 dicembre, a seguito dell’applicazione della disciplina dello split payment.

Come messo in evidenza da FiscoOggi (il portale informativo della Agenzia delle Entrate), le precisazioni riguardano i soggetti passivi IVA che dal 1 luglio 2017 sono riconducibili nell’ambito della disciplina della scissione dei pagamenti (articolo 17-ter, d.P.R. 633/1972). La circolare n. 28/E, che completa i primi chiarimenti già resi con la circolare n. 27/2017 rammenta, preliminarmente, i presupposti e i metodi di determinazione dell’acconto Iva di cui all’articolo 6, comma 2, della legge 405/1990, per poi soffermarsi sulle regole che i soggetti “split payment” dovranno seguire, in generale, nel determinare l’acconto, nonché, in particolare, quello per il 2017.

La circolare spiega che, ai fini della determinazione della base di calcolo dell’acconto IVA, tutti i contribuenti “split payment” dovranno tenere conto dell’imposta versata nell’ambito della scissione dei pagamenti, a prescindere dalla circostanza che gli stessi optino per il versamento diretto all’Erario (articolo 5, comma 01, d.m. 23 gennaio 2015) ovvero per la doppia annotazione delle fatture di acquisto (articolo 5, comma 1), nei registri di cui agli articoli 23 e 25 del d.P.R. 633/1972.

>> CONSULTA LA CIRCOLARE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE 15 DICEMBRE 2017, n. 28/E.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>