Questo articolo è stato letto 103 volte

Spesometro e sicurezza banche dati pubbliche: la lettera del Garante Privacy al Presidente Gentiloni

Garante Privacy

Il Garante della Protezione dei dati personali (Privacy), mediante comunicato del 3 ottobre 2017, ha pubblicato la lettera del Presidente dell’Autorità stessa, Antonello Soro, inviata al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sull’importanza di un sistema di sicurezza nelle banche dati pubbliche, alla luce del recente malfunzionamento della piattaforma telematica in cui sono conservati i dati fiscali di milioni di cittadini. Soro sottolinea come la trasformazione tecnologica del Paese non possa prescindere dal rispetto e dalla tutela dei dati personali. Il Garante della Privacy passa oltre lo spesometro e analizza soprattutto i problemi legati ad una singola banca dati. Il tilt che ha investito il nuovo adempimento fiscale è per Soro l’occasione per ricordare al governo che la privacy è un “problema paese”.

Spesometro e sicurezza banche dati pubbliche

Il Presidente Soro sottolinea la rilevanza dei rischi derivanti dalla gestione dei sistemi informativi, laddove la stessa non sia costantemente accompagnata da un’adeguata attenzione agli aspetti di sicurezza e protezione dei dati personali.
“Quello che fin d’ora emerge in questa vicenda (e che è, purtroppo, elemento comune alle diverse attività di verifica dell’Autorità) è che, in un tempo caratterizzato dalla ineludibile necessità di ricorrere sempre più allo scambio telematico dei dati e all’interconnessione delle banche dati pubbliche, mancano spesso un’adeguata consapevolezza e competenze idonee a far fronte all’incremento dei rischi per i diritti e le libertà delle persone coinvolte“.

La lettera del Garante della Privacy

“Questo fenomeno, unito alla velocità che accompagna l’innovazione tecnologica, rappresenta un elemento di grande vulnerabilità, che rischia di minare alla base non solo la fiducia dei cittadini e delle imprese nelle nuove opportunità derivanti dal processo di trasformazione digitale dell’amministrazione, ma anche la credibilità stessa del Governo nella sua opera di attuazione dell’Agenda digitale“.
“La presa di posizione di Soro – commenta il presidente dei commercialisti Massimo Miani – certifica di fatto la gravità della situazione creatasi in queste settimane sullo spesometro. Un adempimento sulla cui complessità avevamo immediatamente messo in guardia tutti i nostri interlocutori istituzionali”.

>> CONSULTA LA LETTERA INTEGRALE DEL GARANTE DELLA PRIVACY.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>