Questo articolo è stato letto 0 volte

Smog, la Lombardia adotta il piano degli interventi per la qualità dell’aria da qui a 2020

La giunta regionale lombarda ha adottato il Pria, il piano regionale degli interventi per la qualità dell’aria, che pianifica la strategia anti-smog fino al 2020. Entro quella data, come è stato spiegato in una conferenza stampa dal governatore Roberto Maroni e dall’assessore Claudia Terzi, la Regione prevede di ridurre le emissioni di polveri sottili (pm10) del 41%, degli ossidi di azoto (no2) del 49%, dei composti organici volatili (cov) del 20% e dell’ammoniaca (nh3) del 16%.

“Misure organiche, coraggiose e tempestive”, ha detto Maroni elencando in particolare una serie di impegni assunti dalla Regione nel piano, da realizzare entro il 2016, con la promessa di “oltre 2 miliardi di investimenti” in 8 anni. Fra questi, l’estensione della cosiddetta ‘area critica’, dove non possono circolare i mezzi euro 0, che per quella data passerà dai 209 attuali a 570 Comuni lombardi. In più però la Regione intende estendere il divieto di transito nei 209 Comuni attuali anche ai mezzi euro 3 diesel (sempre dal 2016), impegnandosi a esentare dal pagamento del bollo auto chi sostituisce quel tipo di mezzo ritenuto inquinante con uno nuovo, magari già dal 2014 se ci sarà copertura finanziaria. Impegno, nel piano, anche per rendere più consapevole ed efficiente il consumo di legna, che è fra le principali fonti di inquinamento atmosferico.

“Per la prima volta, adottiamo una strategica organica”, ha osservato l’assessore all’Ambiente Terzi. Il governatore Maroni ha comunque ricordato che, al fine di rendere queste misure più efficaci, “occorre che non siano isolate”, dunque che ci sia un impegno a livello sovraregionale anche della altre regioni del Nord Italia, che in effetti proprio a Milano si sono impegnate con il ministro Andrea Orlando a firmare entro un mese un accordo di programma per coordinare le loro politiche in materia di lotta allo smog. 

Maroni ha infine ribadito la richiesta, da anni formulata dalla Lombardia, all’Unione europea di “riconoscere la specificità del bacino padano” nelle norme sull’inquinamento atmosferico. Allo scopo, il presidente della Regione ha annunciato una missione comune a Bruxelles con il Ministro Orlando “entro due settimane”.

(Fonte: Ansa)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>