Questo articolo è stato letto 2 volte

Sistri, il nodo “interoperabilità”

Con una nuova interrogazione il Senato chiede al MinAmbiente se intenda stabilire definitivamente l’effettiva interoperabilità dei software gestionali di terze parti (anche non istituzionali) con il Sistri.

L’interrogazione scritta n. 4/03757 presentata dal senatore Ferrante il 30 settembre 2010 si concentra sui documenti di specifica per l’interoperabilità (due files, di cui uno non scaricabile e uno in versione “draft”) pubblicati sul portale Sistri del MinAmbiente.

Nel documento si segnala al Ministero l’esigenza di emanare norme che rendano possibile la effettiva interoperabilità dei software gestionali di terze parti con il Sistri, concedendo alle software house il tempo necessario per implementare l’interoperabilità.

Altrimenti, si legge nell’interrogazione, si corre il rischio che “per la maggior parte degli operatori, gli altri software, potrebbero diventare degli strumenti quasi del tutto inutili”, rafforzando così i dubbi sull’intera operazione Sistri.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>