Questo articolo è stato letto 4 volte

Sistema delle Conferenze, Anci in audizione sul sistema di concertazione enti locali-Stato centrale

Il sistema delle Conferenze (Stato-Città, Stato-Regioni e Unificata) assicura trasparenza, capacità di comunicazione e confronto tra autonomie territoriali e governo e soprattutto consente un pieno dibattito sulle questioni centrali che riguardano gli enti locali. Per questo il nuovo Senato non è sostitutivo al sistema delle Conferenze ma complementare ad esso, per un continuo e condiviso confronto tra poteri centrali e locali, garantito fino ad oggi dall’attuale sistema di concertazione. È questa, in sintesi, la posizione espressa ieri dall’Anci nel corso dell’audizione presso la commissione parlamentare per le Questioni Regionali, che ha ascoltato l’Associazione in merito all’indagine conoscitiva sul sistema di concertazione enti locali-Stato centrale (consulta il documento consegnato).

“L’attuale sistema delle conferenze – ha spiegato il vicepresidente Matteo Ricci che ha guidato la delegazione Anci – garantisce un corretto rapporto tra esecutivi e quindi non è alternativo al nuovo Senato delle autonomie, cui spetterà esprimere la rappresentanza politica dei territori. Allo stesso tempo, però, riteniamo che il sistema attuale di concertazione possa e debba essere riformato e snellito ma è di certo un luogo efficace di confronto sano tra gli esecutivi locali e centrali. Inoltre – ha continuato Ricci – il Senato non avrà competenze su tutte le materie di interesse degli enti locali come ad esempio la Legge di Stabilità, che dopo la riforma sarà votata solo dalla Camera ma che rappresenta uno dei tavoli principali di confronto all’interno delle Conferenze”.

Il vicepresidente Anci ha poi rimarcato come “quasi mai, in questi anni, le Conferenze sono state ‘arena politica’, conservando il ruolo di importante di confronto istituzionale per il Paese”. Sempre in tema di Senato, il sindaco di Pesaro ha anche voluto ribadire  “l’appoggio convinto dei sindaci al processo di riforma del bicameralismo che renderà le istituzioni più moderne ed efficienti anche se – ha evidenziato – avremmo preferito più sindaci e meno consiglieri regionali nel nuovo Senato. Questo per garantire una rappresentanza più adeguata ed effettiva del Paese, che si sarebbe potuta  avere con l’elezione contemporanea dei sindaci dei capoluoghi nel nuovo Senato”.

Ricci ha quindi dedicato un passaggio alla riorganizzazione della governance comunale, ricordando la proposta Anci che parte dall’aggregazione si servizi per bacini omogenei, passando dagli incentivi a unioni e fusioni volontarie “perché se si riorganizzano i luoghi di confronto istituzionale è importante che i Comuni riorganizzino se stessi, cosa che auspichiamo venga fatta anche dalle Regioni”.

Nel corso dell’audizione è intervenuta anche il segretario generale Anci Veronica Nicotra. “In tutti questi anni di esperienza maturata nelle sedi di concertazione rappresentate dalle Conferenze – ha detto – molti sono stati gli elementi di positività. Le conferenze sono state il miglior antidoto per evitare  personalismi e scambi one to one tra il singolo ente territoriale e governo centrale, ed è per questo che vanno mantenute rafforzandone il ruolo, a garanzia di neutralità e imparzialità del confronto di tutte le componenti rappresentate. L’Anci è disponibile a presentare le sue proposte migliorative – ha aggiunto Nicotra -, prima fra tutte l’esigenza di valorizzare nel dibattito parlamentare i pareri che vengono espressi, per recuperare circolarità e inserire le esigenze delle autonomie locali nelle sedi legislative. Le Conferenze – ha quindi concluso Nicotra – rappresentano un alto livello di confronto tecnico e politico: con l’auspicata approvazione ed entrata in vigore del nuovo Senato si farà un ulteriore scatto positivo, la Repubblica diventerà ancora  più Repubblica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *