Questo articolo è stato letto 0 volte

Sbloccati i fondi in Campania

Il governo promuove il piano di rientro dal deficit sanitario presentato dal governatore Stefano Caldoro e sblocca poco più di un miliardo per far rifiatare Asl e ospedali della Campania. Si tratta di fondi congelati dal 2007, in attesa di una verifica positiva che è arrivata ieri al tavolo tecnico congiunto di Economia e Salute. «È un ottimo risultato, il sistema sta rispondendo – ha spiegato il governatore campano -, c’è una nuova consapevolezza e responsabilità che va consolidata». La regione incasserà subito un miliardo e 21 milioni, il 60% dell’accantonamento totale (1,7 miliardi): un ulteriore 20% (circa 340 milioni) sarà erogato, dopo nuove verifiche su ulteriori adempimenti, entro dicembre 2010. A seguire un ulteriore tranche del 10% entro febbraio e, a saldo, ancora un 10% entro aprile se saranno completati tutti i passaggi previsti. Restano per ora in sospeso i fondi Fas (300 milioni) e il blocco del turn over, mentre è confermato anche l’aumento delle aliquote Irpef (+30%) e Irap (+15%). «È una giornata storica per i cittadini e l’amministrazione regionale – ha sottolineato il senatore Pdl Raffaele Calabrò, che lavora su incarico di Caldoro sul fronte caldo della sanità campana -, segna concretamente un nuovo inizio e la possibilità di un ritorno alla normalità per la Campania, a soli cinque mesi dall’insediamento della giunta Caldoro». Dopo la riorganizzazione ospedaliera e una raffica di ticket, ora la regione è pronta a licenziare anche il nuovo piano sanitario.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>