Questo articolo è stato letto 0 volte

Ronchi, brevetto europeo, “inaccettabile discriminazione della lingua italiana”

“Non ritengo accettabile la proposta di regolamento sul regime linguistico del brevetto dell’Unione Europea adottata giovedì dalla Commissione e che prevede la mera trasposizione  in sede di Unione di un regime linguistico fortemente discriminatorio, utilizzato nell’ambito di un accordo multilaterale, con la presentazione dei brevetti in una lingua, a scelta del proponente, tra inglese, tedesco o francese”, ha dichiarato il Ministro per le Politiche Europee, Andrea Ronchi.
“L’intesa che avevamo raggiunto nello scorso dicembre in Consiglio – ha sottolineato Ronchi – doveva condurre a una chiusura positiva di questo dossier, risolvendo finalmente – con una soluzione equilibrata – anche il problema della lingua. L’Italia era pronta ad assumere un atteggiamento costruttivo per raggiungere soluzioni che potessero andare nella direzione di un regime brevettuale semplificato, efficiente e utile a tutte le aziende, senza discriminazioni di geografia, dimensione, legislazioni nazionali o lingua. Quanto ci viene proposto non rientra assolutamente in questa logica e risulterà fortemente penalizzante per le aziende italiane. Non potrà quindi avere il consenso dell’Italia, e non credo solo dell’Italia. Siamo invece aperti – ha concluso Ronchi – ad una soluzione basata su un’unica lingua, l’inglese, che rappresenterebbe una vera semplificazione e risulterebbe comprensibile, accettabile politicamente e benvenuta dalle imprese”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>