Questo articolo è stato letto 0 volte

Roma, installati 500 hot spot Wi-Fi

La rete “Provincia Wi-Fi” è giunta al suo 500esimo hot spot. Coprendo il Circolo Sportivo Villa De Sanctis, infatti, sono ormai 500 le “bolle” di Wi-Fi che l’Amministrazione provinciale è riuscita ad installare nei suoi primi 2 anni di attività dopo la promessa della copertura sul territorio. E si tratta, spiega la Provincia di Roma, «del più imponente progetto in Italia per la diffusione del wi-fi per numero di abitanti coinvolti (circa 4 milioni di persone), superficie del territorio (5 mila Kmq) e Comuni interessati (121)».

349 gli hot spot attivi a Roma e 151 quelli installati in provincia. Nella capitale sono coperte zone quali Pantheon, Largo Argentina, Campo de Fiori, piazza del Popolo, il Foro Traiano, Fontana di Trevi, piazza di Spagna, villa Borghese ed altre ancora, portando così alla Città Eterna una copertura pressoché totale di tutte le zone più importanti per abitanti e turisti. Il progetto, infatti, non si rivolge più soltanto ai residenti: «Provincia Wi Fi ha più di 55mila iscritti e vuole ora allargare i suoi confini per permettere a tutti l’accesso al web usando ovunque stesse user id e password e per consentire ai territori che ancora non hanno il wi-fi di costruire una propria rete grazie alla piattaforma open source messa a disposizione per tutti gli enti locali dalla Provincia di Roma. Per questo è nata Free Italia Wi-Fi, la federazione nazionale delle reti wi-fi pubbliche a cui hanno già aderito la Regione Sardegna e il Comune di Venezia e hanno manifestato il loro interesse le Province di Torino, Firenze, Potenza, Pesaro e Prato. Una scelta che punta all’innovazione come elemento fondamentale per la crescita dell’Italia».

Questo passo ulteriore va a configurare una dimensione del tutto nuova per la Rete di Roma poiché la inserisce in un contesto ben più ampio nel quale, con un solo account di identificazione, ogni utente ha la possibilità di collegarsi qualunque sia la città sotto cui si cerca copertura. E trattasi di una Rete in continua estensione, peraltro: all’interno del medesimo sistema rientrano infatti anche università ed ospedali (Policlinico Umberto I, l’Istituto Regina Elena e il San Gallicano) oltre ad entità private utili a rendere ancor più completa e capillare la copertura (1.500 bar e ristoranti, 1.300 imprese del settore benessere e 1.400 imprese del settore alimentare).

Nicola Zingaretti, Presidente della Provincia di Roma, afferma con sicurezza che la propria promessa è stata mantenuta. La capacità della Rete di mantenersi efficiente e gratuita è però la sfida principale che si pone di fronte a tali iniziative, la cui durata nel tempo premia la bontà del progetto e la capacità di costruirvi attorno un’esperienza valida ed un agglomerato di servizi che creino nuovo valore partendo dalla semplice disponibilità di una rete accessibile e navigabile.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>