Questo articolo è stato letto 0 volte

Rischio sismico presente sui territori comunali: la lettera dell’ANCI

Il presidente dell’ANCI Piero Fassino e il delegato ANCI alla Protezione civile Bruno Valentini, hanno partecipato ieri ad Amatrice ai funerali di alcune delle vittime del terremoto che ha colpito il centro Italia. Unendosi nuovamente al cordoglio delle famiglie colpite dal sisma negli affetti più cari, l’ANCI ha ribadito anche la grande solidarietà che continua ad arrivare da tutti i Comuni italiani, coordinata sui luoghi del sisma proprio dall’ANCI in raccordo con la Protezione civile. 

Lo stesso presidente ANCI, attraverso una lettera inviata a tutti i Sindaci, li ha invitati a “dedicare una seduta di confronto dei Consigli comunali di tutte le Città al tema del rischio sismico presente sul territorio comunale, devolvendo al tempo stesso i gettoni di presenza della seduta in favore dei Comuni colpiti dal sisma nel Centro Italia, utilizzando il conto corrente ANCI con causale Emergenza Sisma Centro Italia (IBAN: IT27A 06230 03202 000056748129)”.

“L’ANCI nazionale – scrive Fassino – continua ad operare per assicurare il supporto amministrativo ai Comuni delleprovince di Rieti, Ascoli Piceno, Perugia, L’Aquila, Fermo colpiti dal terribile sisma nel Centro Italia. Lo stesso 24 agosto è stata inviata la richiesta di disponibilità di tecnici comunali specializzati per la valutazione dei danni e il supporto amministrativo agli UTC e agli stessi Sindaci. L’ANCI ha inoltre avviato da subito una raccolta di fondi utili alla fase post emergenza e di ricostruzione tramite un conto corrente dedicato”, ricorda il Presidente. 

Da qui l’invito a unirsi alle attività di raccolta fondi, “ritenendo che le attività di prevenzione in protezione civile debbano coinvolgere i cittadini e tutti i livelli istituzionali, a partire dalle comunità locali”. 
Allegata alla lettera, il presidente dell’ANCI ha inviato ai Comuni anche una bozza di ordine del giorno finalizzata alla discussione all’interno dei singoli Consigli comunali, “suscettibile di modifiche a seconda delle esigenze che riterrete prioritarie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *