Questo articolo è stato letto 4 volte

Riforma della p.a: Madia, via gli statali più anziani per aiutare i giovani

riforma-della-pa-madia-via-gli-statali-piu-anziani-per-aiutare-i-giovani.jpg

Svecchiare la pubblica amministrazione per aiutare l’occupazione giovanile. È l’idea del Ministro della pubblica amministrazione, Marianna Madia, che invia anche un messaggio ai sindacati sulla riforma del settore: ”Non è detto che ci saranno dei tavoli – ha rilevato -, perché abbiamo tempi molto stretti. Può anche darsi, ma non per forza”.

“Abbiamo chiesto ai sindacati proposte oltre il piano Cottarelli”, ha aggiunto. Il Ministro spiega come ai sindacati viene chiesto aiuto ”a trovare risorse per la p.a.”. In particolare, ha sottolineato, a me sta a cuore mettere risorse sull’entrata di nuove energie, di ragazzi e ragazze che da troppo tempo non riescono ad entrate in modo sano nella pubblica amministrazione.
A margine del convegno “I manager pubblici che vogliamo”, ha detto: “Mi auguro che i sindacati siano i primi a collaborare con noi”.

Se si parla di 85 mila esuberi nella p.a., ha affermato, si utilizza “un numero e una terminologia assolutamente sbagliati e distorti anche rispetto al piano Cottarelli”. “L’idea sarà quella di provare ad avere uscite, anche con prepensionamenti” ma ciò “per aiutare i giovani ad entrare nella p.a.
“Io penso ad una sana mobilità obbligatoria, laddove il rispetto è quello del diritto del lavoratore, laddove non ci siano degli ostacoli burocratici”, ha detto la Madia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>