Questo articolo è stato letto 0 volte

Riforma del Senato, tensione poi ok al testo del governo

Il governo incassa l’adozione del proprio d.d.l. come testo base per le riforme in Commissione affari costituzionali del governo, e per di più con i voti di Forza Italia e della Lega, cosa che spinge Matteo Renzi ad esultare (“la palude non ci blocca è proprio la volta buona”, dice) ma prima di questo passaggio maggioranza e governo incappano in uno scivolone che non lascia presagire un cammino tranquillo alle riforme.

In Commissione affari costituzionali del Senato si era raggiunto un accordo di massima che consisteva nell’adottare il d.d.l. del governo come testo base, e di votare anche un ordine del giorno che contenesse una serie di modifiche su cui c’era ampio consenso, compreso il sì del governo. Ma dopo una giornata di tensioni, nella seduta serale di ieri si è giunti con due distinti ordini del girono da parte dei due relatori, Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli. Il testo del senatore leghista indicava, diversamente da quanto prevede il d.d.l. del governo e l’odg di Finocchiaro, l’elezione diretta dei senatori di ciascuna regione in concomitanza con quella dei consigli regionali.

“Non la daremo vinta a Calderoli”, ha dichiarato il Ministro Maria Elena Boschi entrando in Commissione. Ma da lì a poco subirà una delusione. Al momento del voto Mario Mauro si è sfilato dalla maggioranza ed ha votato per il testo Calderoli (Corradino Mineo era in quel momento fuori dall’Aula): finisce 15 a 13. A quel punto l’ordine del giorno di Finocchiaro, che non entrava nel merito delle modalità di elezione dei senatori, viene ritirato, mentre viene bocciato un documento di Forza Italia che chiedeva di affrontare il presidenzialismo subito dopo la riforma di Senato e Titolo V. Dopo un momento di smarrimento, con tanto di sospensione della seduta, maggioranza e governo non possono che prendere atto dello schiaffone.

Viene quindi proposto il d.d.l. del governo come testo base per i futuri emendamenti, ed esso viene approvato anche con il consenso di Forza Italia e Lega. Il Ministro Boschi esce subito dalla Commissione con un largo sorriso e dice che quella odierna “è una serata positiva” visto che il d.d.l. del governo è stato adottato come testo base, e “questo era l’obiettivo fondamentale”. La linea comunicativa è di valorizzare questo aspetto, e così su Twitter Renzi fa sentire la propria esultanza: “approvato il testo base del Governo sulla riforma del Senato. Molto bene, non era facile. La palude non ci blocca! È proprio #lavoltabuona”.

Le facce meste dei senatori di maggioranza tradiscono però altri sentimenti. L’ordine del giorno Calderoli, spiega la presidente di commissione Finocchiaro, “orienterà” i lavori ma non inibirà altre soluzioni diverse. Insomma, se verranno presentati emendamenti che escludono l’elezione diretta non saranno inammissibili e potranno essere discussi e votati. Quindi nulla è perduto. Purché maggioranza e governo sappiano fare bene i conti sui voti in Commissione.

(Fonte: Ansa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *