Questo articolo è stato letto 0 volte

Rifiuti in provincia scelta la discarica di Gela

Via libera alla discarica di Gela per gli 11 comuni dell’Ato PA 1 da Carini a Cinisi che da due settimane sono alle prese con l’emergenza rifiuti. Ieri mattina la Regione ha firmato il decreto per l’autorizzazione allo smaltimento straordinario nella discarica di Gela e anticipato anche i mezzi, due compattatori da 90 metri cubi da inviare ai comuni per effettuare la bonifica. Su tutto il territorio dell’Ato, inizierà da stamattina la pulizia straordinaria delle piazze e delle strade dalle oltre 500 tonnellate di immondizia abbandonate a causa dei rallentamenti per il conferimento a Partinico. Il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti a Gela costerà all’Ato quasi il doppio. L’abbancamento, il trattamento e il trasporto a Partinico costava circa 280 euro al giorno. A Gela arriverà a 600 euro compreso il trasporto. Per ora, la Regione anticipa ai Comuni in mezzi circa 40 mila euro. Ma a un patto. Che questi fondi tornino indietro alla fine dell’emer-genza. Una soluzione temporanea, mentre i comuni dovranno comunque provvedere a rimettere in piedi la raccolta differenziata e gestire giorno per giorno l’emergenza con fondi propri. Anche perché la Regione ha risorse limitate. «Solo 12 milioni di euro per gestire l’emergenza in tutta l’Isola fino a dicembre – continua Michelon – e finora ci sono arrivate richieste da vari Ato in difficoltà per 40 milioni di euro». I comuni inoltre dovranno rendere conto alla Regione della loro inattività nei giorni dell’emergenza per garantire la salute pubblica. «Con questo provvedimento straordinario – spiega a il sub commissario – si attiva il procedimento di intervento sostitutivo ai sensi dell’articolo 14 della legge regionale 9 e le procedure di accertamento sull’operato dei sindaci. Se entro 90 giorni, non dimostreranno perché non sono intervenuti, potrebbero anche essere rimossi».

Continua a leggere su: Repubblica, Palermo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>