Questo articolo è stato letto 0 volte

Rifiuti, 18 Comuni contro la discarica

NAPOLI – Domani sera nei diciotto comuni del Parco del Vesuvio si spegneranno le luci. Tre minuti ? a partire dalle 21?di buio completo per protestare contro l’apertura di una nuova discarica poco distante da quella già in funzione a Terzigno. E proprio a Terzigno, insieme con Trecase, Boscoreale e Boscotrecase, i centri capofila della protesta, giovedì dovrebbe essere proclamato il lutto cittadino, «per la morte del Parco del Vesuvio», che è il più piccolo parco italiano ma se sarà aperto il nuovo impianto di sversamento si troverà ad accogliere la più grande discarica d’Europa. Ed è proprio per protestare contro i danni provocati al territorio e ai suoi abitanti dallo sversamento dei rifiuti che da tre giorni il sindaco di Boscoreale Gennaro Langella ha cominciato lo sciopero della fame. «Non mi interessa sollecitare finanziamenti o sovvenzioni – dice – anzi, se dovessero arrivarne li rimanderei indietro. Protesto per tutelare il bene primario della mia popolazione: il diritto alla salute e al benessere ». Langella ribadisce anche che «dietro la nostra protesta non c’è nessuna matrice criminale, e ringrazio il procuratore di Napoli per averlo detto chiaramente, ma solo gente perbene e di ogni ceto sociale che non ne può più di respirare aria insalubre e di vivere tappata in casa con l’incubo di ammalarsi», e invita il prefetto di De Martino a intervenire «affinché siano fermate le cariche della polizia contro cittadini inermi che stanno solo tentando di manifestare il loro insopportabile e indescrivibile disagio ». Anche l’altra notte, ci sono stati tafferugli, quando le forze dell’ordine hanno rimosso un blocco dei manifestanti per far passare i camion diretti verso la discarica. La tensione è durata pochi minuti ma è stata altissima e tra manganellate da un lato e lancio di sassi dall’altra, ci sono stati due contusi, un carabiniere e unmanifestante. Ieri sera, duemila persone hanno manifestato a Terzigno ma non si sono registrati scontri. A Napoli, invece, restano 450 tonnellate di spazzatura ma, entro domani, dovrebbe essere superata l’emergenza.

Continua a leggere su: Corriere della Sera

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>