Questo articolo è stato letto 50 volte

Ricostruzione post-sisma: limiti regolamentari comunali alla riduzione della TOSAP

Ricostruzione post-sisma

Riveste importanza per gli Enti locali la delibera della Corte dei conti, sez. controllo per l’Emilia Romagna 12 settembre 2017, n. 137 in materia di limiti regolamentari comunali alla riduzione della TOSAP (tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche).
La delibera conferisce una risposta alla richiesta di parere concernente i limiti regolamentari comunali alla riduzione della Tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) di cui al Capo II del d.lgs. n. 507/1993, per le attività inerenti alla ricostruzione post-sisma, superiori alla riduzione massima del 50 per cento consentita dall’art. 45, comma 6-bis, dello stesso decreto legislativo per l’esercizio di un’attività edilizia. La Sezione ha ritenuto che, considerata la tassatività delle esenzioni previste nell’art. 49 del d.lgs. n. 507 e in assenza di ulteriori specifiche previsioni legislative, occorra fare riferimento all’art. 52, comma 1, del d.lgs. n. 446/1997 che, escludendo la possibilità di intervenire sulla individuazione e definizione delle fattispecie imponibili, non consente l’introduzione per via regolamentare di una nuova esenzione. Può, viceversa, ammettersi l’introduzione adeguatamente motivata di misure agevolative più ampie di quelle esplicitamente consentite dalla normativa primaria, quando le stesse trovino giustificazione nelle speciali e preminenti esigenze poste dalla necessità di favorire la ricostruzione post-sisma e sempre che non determinino il sostanziale svuotamento del presupposto impositivo.

>> CONSULTA LA DELIBERAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI, SEZ. EMILIA ROMAGNA, 12 SETTEMBRE 2017, n. 137.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *