Questo articolo è stato letto 0 volte

Ricorsi più cari per assumere 250 giudici

ROMA Ritocchi e aggiustamenti fino all’ultima ora per il maxiemendamento alla manovra correttiva. Dal taglio dei fondi per i patronati, ora più salati ma diluiti in tre anni, alla riduzione dei tempi concessi ai contribuenti per saldare i conti con l’Inps in caso della notifica di un “avviso di addebito”. Novità anche per la segnalazione di certificazione di inizio attività, così come per la stangata alle compagnie di assicurazione (si vedano i servizi nelle pagine successive). Non poche, poi, le norme cancellate nella stesura definitiva del testo presentato in aula al Senato per il voto di fiducia di questa mattina. Salta l’introduzione dei costi minimi nell’autotrasporto, destinata a un futuro decreto legge. Una cancellazione accolta positivamente dal presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, che ha sottolineato come «l’impegno degli imprenditori alla fine abbia fatto prevalere la ragione e il senso del mercato». Esce dalla manovra anche la riduzione a 1.000 euro delle operazione di money transfer verso paesi extra Ue, mentre salta la deroga nella formazione delle classi con studenti disabili che a questo punto non potranno avere più di 20 alunni. Scompaiono dalla manovra anche la trasformazione della fondazione Gaslini in un ente privato, nonché la possibilità di nomina da parte del ministero della Salute del direttore scientifico degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs). Patronati. Con il taglio dei trasferimenti ai patronati si scongiura l’aumento contributivo previsto per tutti i dipendenti a partire dal 1° gennaio 2011. Il taglio, come prevede ora il maxiemendamento rispetto alle modifiche apportate in commissione dal relatore Antonio Azzollini (erano 87 milioni nel 2011), viene ora spalmato in tre anni (2011-2013) e si concretizza in una decurtazione di 30 milioni annui per le strutture operative dei sindacati che offrono servizi. Riscossione Inps. Si riduce a 60 giorni il tempo utile per il pagamento delle somme che, dal 1° gennaio 2011, gli verranno contestate direttamente dall’Inps con la notifica dei nuovi “avvisi di addebito”. Nel testo del decreto legge si prevedeva che il pagamento doveva avvenire in 90 giorni e scaduto il termine sarebbe scattata l’esecuzione forzata da parte dell’agente della riscossione. Oltre a ridurre i tempi in 60 giorni anche l’esecuzione forzata viene ora sostituita dall’espropriazione forzata, con i poteri, le facoltà e le modalità che disciplinano la riscossione a mezzo ruolo. Spese processuali. Mini aumenti delle spese di giudizio per consentire al ministero della Giustizia l’assunzione di 250 magistrati ordinari vincitori di concorso già concluso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge. Per coprire le spese scatta l’aumentano delle voci del contributo unificato dovuto per i processi amministrativi e civili: dai 33 euro per processi di valore fino a 1.100 euro fino ai 1.221 euro per i processi di valore superiore a 520.000 euro. Aumenta di 20 euro (220 complessivi) anche il contributo per i procedimenti di esecuzione immobiliare. Gettoni di presenza. Per i consiglieri circoscrizionali delle città metropolitane un piccolo aumento del gettone di presenza che potrà essere pari fino al 25% (in commissione era stata fissata nel 20%) dell’indennità prevista per il rispettivo presidente. Agenzie fiscali. L’amministrazione finanziaria potrà godere di una maggiore flessibilità nei tagli su consulenze, missioni, formazione, immobili, auto e personale. Il maxiemendamento, infatti, prevede che le agenzie fiscali potranno «assolvere» al contenimento della spesa dell’apparato amministrativo riversando al bilancio dello Stato l’1% (in commissione Bilancio era il 2,5%) delle dotazioni previste sui capitoli di spesa di funzionamento previsti dalla legge di bilancio 2010. Non solo. Le stesse agenzie fiscali potranno, per garantire «gli obiettivi di gettito fissati annualmente », conferire incarichi dirigenziali – anche oltre le misure percentuali previste dalla legge 165/01 – a magistrati, avvocati o procuratori posti fuori ruolo. Il tutto nei limiti di assunzione a tempo indeterminato fissati per le singole agenzie.

La bussola della finanziaria d’estate

FISCO LE NOVITÀ

Contante
Per la limitazione all’uso del contante,viene previsto che non ci saranno sanzioni per le violazioni dal 31 maggio al 15 giugno 2010. Non rientrano nella stretta sulle imprese in perdita quelle che hanno deliberato un aumento di capitale a titolo oneroso di importo uguale alle perdite fiscali

Riscossione
Per la riscossione dei crediti Inps si prevede l’avviso ad eseguire entro 60 giorni e l’espropriazione forzata in caso di inadempimento. Resta il divieto di compensazione anche per i ruoli non definitivi. La sanzione però non sarà applicata finché la pretesa erariale sarà oggetto di contestazione in sede giudiziale o amministrativa. Ammessa la compensabilità dei crediti maturati nei confronti di regioni ed enti locali o al servizio sanitario nazionale per somministrazione, forniture e appalti, con le somme dovute a seguito di iscrizione a ruolo Rate Viene prevista la possibilità di prestare ipoteca volontaria anziché polizza fideiussoria in caso di pagamento rateale da accertamento con adesione

Assicurazioni
Ridimensionato l’aumento della tassazione

LE CONFERME

Sono confermate, tra l’altro, le norme in materia di: partecipazione dei comuni all’accertamento tributario; limitazioni all’uso del contante, comunicazioni alle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini Iva superiori a 3mila euro; contrasto delle imprese «apri e chiudi» e di quelle in perdita sistemica; prelievo del 10 per cento sulle ristrutturazioni edilizie e sui lavori per il risparmio energetico; adeguamento alle direttive Ocse sul transfer price; incrocio tra le basi dati dell’Inps e delle Entrate per contrastare la microevasione diffusa; anticipo dei tempi della riscossione; stock options ed emolumenti variabili; razionalizzazione dei controlli per i soggetti che aderiscono al consolidato nazionale

STATALI LE NOVITÀ

Stipendi
Il blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici nel triennio 2011/2013 è riferito al «trattamento ordinariamente spettante» nel 2010, al netto di «eventi straordinari» come arretrati relativi ad anni precedenti, maternità, malattia, congedi. Sui fondi per il trattamento accessorio, il vincolo è alla somma complessiva destinata nel 2010 da ogni amministrazione

Magistrati
Per i magistrati l’indennità speciale giudiziaria è ridotta del 15% nel 2011, del 25% nel 2012 e del 32% nel 2013

Ricerca
Gli enti di ricerca sono esclusi dal nuovo tetto al turn over al 50 per cento. Questi enti rientrano però nel limite del 35% per la spesa destinata ai contratti a tempo determinato

Società
Le società non quotate inserite nel conto economico della Pa devono adeguare le proprie politiche assunzionali ai limiti previsti per il personale degli enti pubblici

LE CONFERME

Contratti
Non vengono effettuati i rinnovi contrattuali dei dipendenti pubblici per il triennio 2011/2013

Automatismi
Nell’ambito del personale non contrattualizzato sono bloccati gli automatismi stipendiali dei docenti universitari e del personale in servizio nella carriera diplomatica

Manager
La quota di stipendio che supera i 90 mila euro annui è ridotta del 5%, quella che supera i 150mila euro è ridotta del 10 per cento

Pensioni delle donne
Viene alzata a 65 anni dal 2012 l’età in cui si raggiungono i requisiti per la pensione di vecchiaia

Liquidazione a rate
Nel trattamento di fine servizio, la quota eccedente i 90mila euro viene corrisposta un anno dopo la prima rata. Se la liquidazione supera i 150mila euro, la quota eccedente questa cifra viene corrisposta in una terza rata, 12 mesi dopo la seconda

AUTONOMIE LE NOVITÀ

Patto di stabilità
Per il biennio 2011/2012 la manovra chiede alle regioni 10 miliardi e agli enti locali 4,8 miliardi. La ripartizione dei tagli all’interno dei singoli comparti sarà tuttavia affidata a un’intesa che dovrà essere realizzata in sede di conferenza stato-città e unificata. I criteri dovranno tenere conto del rispetto del patto di stabilità e di altri criteri di virtuosità e autonomia finanziaria

Comuni in dissesto
È istituito un fondo da 50 milioni di euro per accompagnare i piani di rientro degli enti commissariati. Esclusioni particolari sono previste per gli enti in dissesto della provincia dell’Aquila

Indennità
Le indennità degli amministratori locali sono tagliate tra il 3 e il 10% a seconda della dimensione degli enti presi in considerazione. Per i consiglieri comunali sono previsti solo gettoni di presenza, che non possono superare al mese il 20% dell’indennità del sindaco o del presidente. Azzerati i gettoni per i consiglieri circoscrizionali, con l’eccezione di quelli nelle città metropolitane

Società
I comuni fino a 30mila abitanti non possono avere partecipazioni, quelli da 30mila a 50mila ne possono detenere una sola. L’obbligo di dismissione delle partecipazioni non più consentite slitta al 2011

Segretari
Viene abolita l’agenzia dei segretari comunali e provinciali; le sue funzioni passano al ministero dell’Interno

LE CONFERME

Gestioni associate
I comuni che hanno fino a 5mila abitanti devono svolgere in forma associata le funzioni fondamentali

Lotta all’evasione
Sale dal 30 al 33% del maggior riscosso il premio per gli enti locali che partecipano alla lotta all’evasione fiscale. I comuni devono istituire i consigli tributari

IMPRESE LE NOVITÀ

Scia
Ogni atto di autorizzazione, licenza, concessione per l’esercizio di attività imprenditoriale, commerciale o artigianale è sostituita da una dichiarazione dell’interessato, accompagnata dalle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e da atti di notorietà, nonché dalle attestazioni e dalle asseverazioni dei tecnici corredate da tutti gli elaborati per consentire i controlli da parte delle amministrazioni. L’attività può iniziare dalla data di presentazione della segnalazione

Le esclusioni
La segnalazione non vale nei casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici e culturali e nel caso in cui gli atti siano di competenza delle amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all’immigrazione, all’asilo, alla cittadinanza, all’amministrazione della giustizia e delle finanze. La semplificazione non si applica alle attività finanziarie

Controlli
Le amministrazioni destinatarie della segnalazione, entro 60 giorni dal ricevimento, adottano motivati provvedimenti di divieto alla prosecuzione dell’attività e di rimozione degli effetti dannosi. In ogni caso, decorsi i 60 giorni, l’amministrazione può intervenire solo in presenza di pericolo di danno per il patrimonio artistico e culturale per l’ambiente,per la salute, per la sicurezza pubblica o la difesa nazionale e «previo motivato accertamento dell’impossibilità di tutelare gli interessi mediante conformazione dell’attività alla normativa»

Semplificazione
Prevista l’emanazione di regolamenti per garantire la proporzionalità degli adempimenti amministrative a carico delle imprese, l’informatizzazione delle procedure e la soppressione delle autorizzazioni e dei controlli per le imprese certificate Iso o equivalenti

PREVIDENZA LE NOVITÀ

Speranza di vita
Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi per le pensioni di anzianità e i requisiti di età per la pensione di vecchiaia (compresa la vecchiaia contributiva a 65 anni e la pensione sociale) verranno aggiornati con cadenza triennale per tener conto dell’aumento della speranza di vita (in relazione a 65 anni di età). In occasione della prima applicazione l’aumento dell’età non potrà essere superiore a tre mesi. In deroga alla regola generale, il secondo aggiornamento scatterà dal 2019

Invalidità
La quota di invalidità per ottenere l’assegno resta al 74%e non viene più elevata all’85 per cento. L’Inps nel 2010 farà 250mila controlli

I controlli sulle Casse
Le Casse di previdenza private – sia quelle regolate dal decreto legislativo 509/94 sia quelle istituite con il decreto legislativo 103/96 – sono svincolate dalle misure di contenimento della spesa cui sono sottoposti gli enti pubblici (limite alle spese di sponsorizzazione, tetto al numero dei componenti nei cda eccetera). Tuttavia, continuano a essere obbligate a ottenere un’autorizzazione del ministero dell’Economia,di concerto con il Lavoro, per le compravendite immobiliari

LE CONFERME

Finestre
Dal 2011 sia per le pensioni di anzianità che per quelle di vecchiaia si applicano le finestre personalizzate per la decorrenza dell’assegno: dalla maturazione dei requisiti trascorreranno 12 mesi per i dipendenti e 18 mesi per gli autonomi. Per le pensioni risultanti da totalizzazione la finestra è di 18 mesi. La disciplina sulle finestre non si applica alle Casse professionali private. Resta un dubbio sull’Inpgi che è una gestione sostitutiva dell’Ago (assicurazione generale obbligatoria)

IMMOBILI LE NOVITÀ

Catasto e comuni
I municipi potranno utilizzare gratuitamente le banche dati messe a disposizione dall’agenzia del Territorio «anche per contribuire al miglioramento e aggiornamento della qualità dei dati»

Rogiti
Nelle compravendite immobiliari, la «conformità» tra situazione reale e planimetria catastale potrà anche essere attestata da un tecnico abilitato. Per definire la «conformità» ci si dovrà basare sulla normativa catastale in vigore. I mutui ipotecari sono esclusi da questi obblighi

Fondi immobiliari
I fondi immobiliari chiusi che non si adeguano alla nuova disciplina avranno tre anni di tempo per chiudere l’operazione di liquidazione. Tra il 1° gennaio 2010 e la fine della liquidazione la Sgr dovrà al fisco un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap; la base imponibile per l’imposta sostitutiva sarà costituita dal valore netto del fondo risultante dal prospetto redatto al 31 dicembre 2009

LE CONFERME

Sanatoria catastale
Chi ha costruito ex novo o ampliato immobili già esistenti senza comunicarlo al catasto dovrà mettersi in regola entro fine anno; i controlli successivi saranno assicurati da Territorio e comuni. La determinazione delle rendite resta in mano all’agenzia

Rogiti
Nelle compravendite immobiliari le parti dovranno dichiarare le conformità delle planimetrie alla situazione reale. Il notaio dovrà “allineare” i dati dei registri immobiliari con quelli catastali

Fondi immobiliari
Le Sgr che hanno istituito fondo immobiliari, che al 31 maggio 2010 non avevano i requisiti del Dlgs 58/98, si adeguano entro 30 giorni da un Dm di prossima emanazione e pagheranno un’imposta sostituiva del 5 per cento. Per chi non si adegua l’imposta sale al 7 per cento

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>