Questo articolo è stato letto 0 volte

Recepimento direttiva 2008/98/Ce sui rifiuti, via libera dal Parlamento

Le Commissioni Ambiente di Camera e Senato hanno espresso parere favorevole con condizioni e osservazioni sullo schema di d.lgs. (>> la relazione illustrativa) che modifica la parte IV del “Codice ambientale”, che ora torna al Governo per la definitiva approvazione da parte del Consiglio dei Ministri.

I pareri delle Commissioni parlamentari (XIII del Senato e VIII della Camera) sono arrivati il 20 ottobre 2010.

Entrambi i pareri – che ricordiamo, non sono vincolanti per il Governo – condizionano il favore accordato allo schema di Dlgs, presentato a inizio agosto dall’Esecutivo, all’accoglimento di una corposo elenco di modifiche puntuali da apportare allo stesso (una settantina di punti per ciascuna Commissione, anche se sostanzialmente identici).

Tra le condizioni proposte di assoluto rilievo, si segnala quella che prevede la scomparsa dei rifiuti speciali “assimilabili” per far spazio ai rifiuti speciali “simili”, nonché quella che prevede la predisposizione di sanzioni esclusivamente amministrative per la violazione dell’obbligo di iscrizione al Sistri.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>