Questo articolo è stato letto 0 volte

Raee, avviso pubblico Anci: al via l’erogazione dei contributi ai comuni

L’Anci avvierà, nei prossimi giorni, la procedura per l’erogazione dei contributi per la realizzazione di nuovi Centri di Raccolta Comunali e per l’adeguamento di quelli esistenti ai comuni, alle unioni di comuni e ai consorzi di comuni i cui progetti sono risultati vincitori del Bando per i Centri di raccolta RAEE, pubblicato in Gazzetta Ufficiale all’inizio del 2010 (G.U. n. 4 del 13 Gennaio 2010, 5ª Serie Speciale – Contratti Pubblici).
Nei prossimi giorni l’Anci invierà, infatti, alle 61 amministrazioni beneficiarie un’apposita Convenzione che, come previsto dalle Linee guida dell’Avviso pubblico, specificherà obblighi e condizioni da osservare per l’effettiva erogazione del contributo riconosciuto.
Alle 61 amministrazioni vincitrici dell’Avviso pubblico saranno erogati contributi per un ammontare di 2.760.000 euro (di cui 2.550.000 previsti dall’Accordo di Programma Anci-CdC RAEE del febbraio 2008 e 210.000 euro provenienti dal contributo forfetario 2007, in quanto non assegnati).
“Per i Comuni – sottolinea il Vicepresidente Anci e delegato alle politiche energetiche e ai rifiuti, Filippo Bernocchi – sono fondi essenziali per adeguare la rete dei Centri di Raccolta comunali, soprattutto in funzione del sistema di ritiro dei RAEE ‘1 contro 1’, che vede coinvolto il sistema della distribuzione”. “Quello della gestione dei RAEE – aggiunge – e’ il tipico esempio di sistema virtuoso, che grazie alla collaborazione fra tutti i soggetti coinvolti ha permesso di stabilire un insieme di regole che sta già dando i suoi buoni frutti, dato che in un anno è più che raddoppiata la quantità di RAEE avviati al corretto recupero, che si prevede raggiungerà l’obiettivo di legge (4 kg per abitante l’anno) entro il 2010”. 
“È però necessario – conclude il Vicepresidente dell’Anci – che siano sciolti da parte del Ministero dell’ambiente alcuni dubbi interpretativi circa la normativa tecnica di settore, che altrimenti rischierebbero di inficiare quanto di buono si sta costruendo”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>