La Gazzetta degli Enti Locali - Vai al sito

dalla G.U. n. 196 del 23 agosto 2012
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
DECRETO 3 agosto 2012
Istituzione della Cabina di regia per l’attuazione del Piano Nazionale per le Citta’

 IL VICE MINISTRO
 DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
 Visto il decreto del Presidente della Repubblica del 29 novembre 2011 recante la nomina del dott. Mario Ciaccia a Sottosegretario di Stato alle infrastrutture ed ai trasporti;
 Visto il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti del 13 dicembre 2011 recante la delega al Vice Ministro dott. Mario Ciaccia;
 Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 dicembre 2011 recante l’attribuzione del titolo di Vice Ministro al Sottosegretario di Stato presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dott. Mario Ciaccia, a norma dell’art. 10, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
 Visto l’art. 12 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, concernente “Misure urgenti per la crescita del Paese” che prevede che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti predisponga un piano nazionale per le citta’, dedicato alla riqualificazione di aree urbane con particolare riferimento a quelle degradate;
 Visto il comma 1 del citato art. 12 che prevede l’istituzione di una Cabina di regia del piano, mediante decreto ministeriale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
 Visto l’art. 119 della Costituzione;
 Visto l’art. 15 della legge 7 agosto 1990, n.241;
 Considerata l’immediata necessita’ di istituire la suddetta struttura per rendere operativo il Piano nazionale per le citta’;
 Decreta:

 Art. 1
 Cabina di regia
1. E’ istituita presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, la Cabina di regia del piano nazionale delle citta’, di cui all’art. 12 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, con sede presso il medesimo Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il segretario della citata Cabina di regia e’ individuato, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, tra i funzionari tecnici del Dipartimento per le infrastrutture, gli affari generali ed il personale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

   Art. 2
   Composizione della Cabina di regia
1. La Cabina di cui all’art. 1 e’ cosi’ composta:

  • un rappresentante del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, con funzioni di Presidente;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
  • due rappresentanti, o loro delegati, della Conferenza delle

Regioni e delle Province autonome;

  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero dell’Economia e delle Finanze;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero dello Sviluppo economico;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero dello Sviluppo economico - Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero per i beni e le attivita’ culturali;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministero dell’Interno;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministro per la cooperazione internazionale e l’integrazione;
  • un rappresentante, o suo delegato, del Ministro per la coesione territoriale;
  • un rappresentante, o suo delegato, dell’Agenzia del demanio;
  • un rappresentante, o suo delegato, della Cassa depositi e prestiti;
  • un rappresentante, o suo delegato, dell’Associazione Nazionale

Comuni Italiani;

  • un rappresentante, o suo delegato, del Fondo Investimenti per l’Abitare (FIA) di CDP Investimenti SGR, in veste di “osservatore”;
  • un rappresentante, o suo delegato, dei Fondi di investimento istituiti dalla societa’ di gestione del risparmio del Ministero dell’economia e delle finanze costituita ai sensi dell’art. 33 del decreto-legge 6 luglio 2011 n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011 n. 111, in veste di “osservatore”.

2. Possono altresi’ essere chiamati a partecipare alle attivita’ della Cabina di regia in qualita’ di osservatori o con funzioni consultive, qualora necessario, rappresentanti di altre amministrazioni od enti ed esperti di settore. Il Dipartimento per gli Affari Regionali e’ invitato a partecipare alle attivita’ della Cabina di Regia con funzioni consultive.

    Art. 3
   Funzionamento della Cabina di regia
1. La Cabina di regia si riunisce su convocazione del Presidente presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. L’atto di convocazione deve essere notificato almeno sette giorni prima della data fissata per ciascuna riunione, mediante fax oppure per posta elettronica.
2. Le riunioni della Cabina di regia sono valide con la presenza di almeno undici dei propri componenti effettivi.
 3. La Cabina di regia assume le proprie determinazioni a maggioranza semplice; in caso di parita’ prevale il voto del Presidente.
 Nel rispetto delle funzioni assegnate per legge alle Regioni ed alle Amministrazioni territoriali riguardo le politiche di sviluppo urbano e territoriale, ai voti dei singoli rappresentanti componenti la Cabina di regia sono attribuiti i seguenti pesi:
 1 a ciascuno degli 11 rappresentanti dei Ministeri;
 1 al rappresentante dell’Agenzia del Demanio;
 1 al rappresentante Cassa Depositi e Prestiti;
 5,5 a ciascuno dei due rappresentanti della Conferenza delle Regioni e Province autonome.

  • Il peso del voto del rappresentante dell’ANCI equivale a quello dei due rappresentanti della Conferenza delle Regioni e province autonome.

 I rappresentanti componenti la Cabina di regia in veste di osservatori non hanno diritto al voto.
4. La Direzione generale per le politiche abitative del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti fornisce alla Cabina di regia un’istruttoria tecnica sulle proposte inviate dai Comuni. Il direttore generale per le politiche abitative presenzia alle riunioni della Cabina di Regia.
5. La Cabina di regia, dopo aver verificato le disponibilita’ di investimenti ed apporti dei soggetti interessati, seleziona le proposte graduandole secondo la priorita’ (alta, media, bassa) sulla base dei criteri di cui all’art.12, comma 3, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83.
6. In relazione alle proposte ritenute idonee, la Cabina di regia individua le risorse finanziarie attivatili tenendo conto delle disponibilita’ ad investire formalizzate dai componenti della stessa Cabina di regia od altri soggetti, pubblici o privati.
7. Il Presidente della Cabina di regia promuove la sottoscrizione del Contratto di valorizzazione urbana (CVU) che regolamenta gli impegni dei vari soggetti pubblici e privati, prevedendo anche la revoca dei finanziamenti in caso di inerzia realizzativa; le attivita’ connesse alla gestione del suddetto Contratto di valorizzazione urbana sono demandate alla richiamata Direzione generale per le politiche abitative.
 
   Art. 4
   Presentazione delle proposte alla Cabina di regia
 1. I Comuni inviano le proposte corredate dalla relativa documentazione all’ANCI (e-mail pianoperlecitta@anci.it) e danno contestualmente notizia dell’avvenuta presentazione alla Cabina di regia (indirizzo di posta elettronica certificata: dip.infrastrutture@pec.mit.gov.it). L’ANCI raccoglie e classifica, con riferimento ai contenuti di cui al comma 1 dell’art. 5, le proposte presentate dai Comuni, le presenta alla Cabina di regia che le trasmette alla Direzione generale per le politiche abitative del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per l’ istruttoria tecnica di competenza.
2. Le proposte di cui all’art. 5 devono essere presentate, con le modalita’ di cui al comma 1, entro il 5 ottobre di ogni anno e devono essere corredate della seguente documentazione:
a) delibera della giunta comunale di approvazione della proposta di Contratto di valorizzazione urbana (CVU) contenente: dichiarazione di disponibilita’ delle aree o immobili interessati dagli interventi, in particolare se ricadenti nel demanio comunale; nomina del responsabile del procedimento; impegno ad attivare le ulteriori procedure di approvazione della proposta, qualora ammessa a finanziamento, e di variante agli strumenti urbanistici, se necessaria;
b) progetti relativi agli interventi considerati piu’ prossimi alla cantierabilita’.
c) relazione sintetica a firma del responsabile del procedimento, di massimo 10 pagine, che descriva, per ciascun paragrafo, quanto richiesto al comma 2, lettere da a) a g) dell’art. 5, completa di una stima dei costi con indicazione delle fonti finanziarie a copertura degli stessi;
d) impegno di eventuali soggetti pubblici, differenti da quelli presenti nella Cabina di regia, a mettere a disposizione aree, immobili ovvero finanziamenti di propria competenza all’interno della proposta;
e) impegno dei soggetti privati ad eseguire gli interventi indicati nella proposta, con allegata dichiarazione di disponibilita’ delle aree o degli immobili privati oggetto di intervento; f) elaborati grafici indicanti l’ambito di intervento, la planimetria di progetto, una o piu’ viste di insieme della proposta di Contratto di valorizzazione urbana (CVU).

    Art. 5
   Selezione delle proposte
1. La Cabina di regia seleziona le proposte in base al livello di concorrenza con gli obiettivi e con le finalita’ del Piano nazionale per le citta’. In particolare le proposte dovranno:
a) riferirsi ad ambiti urbani appositamente definiti all’interno dei quali e’ possibile individuare un insieme coordinato di interventi di riqualificazione e rigenerazione, anche puntuali, comunque in grado di conseguire la valorizzazione integrale degli ambiti urbani interessati;
b) dare priorita’ a uno o piu’ dei criteri individuati dall’art. 12, comma 3, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83.
2. Ai fini di conseguire la valorizzazione integrale degli ambiti urbani interessati di cui al comma 1, lettera a), la Cabina di regia promuove la sottoscrizione del Contratto di valorizzazione urbana (CVU) che deve indicare:
a) la descrizione, le caratteristiche e l’ambito urbano oggetto di trasformazione e valorizzazione di cui al punto a) del comma 1;
b) il piano finanziario ed economico della proposta, esplicitando gli apporti pubblici e privati, comprensivi dell’eventuale cofinanziamento del Comune proponente e il contributo richiesto;
c) i soggetti interessati, esplicitando altresi’ eventuali intese raggiunte con i privati;
d) le eventuali premialita’;
e) il programma temporale degli interventi da attivare;
f) con riferimento alle priorita’ di cui al punto b del comma 1, la quota percentuale rispetto al piano finanziario ed economico complessivo destinata all’housing sociale, all’edilizia scolastica, agli immobili demaniali da valorizzare;
g) la fattibilita’ amministrativa con riferimento alla piena disponibilita’ delle aree ed in relazione agli strumenti urbanistici vigenti, nonche’ alla validita’ sociale e ambientale degli interventi proposti.
 Roma, 3 agosto 2012
 Il Vice Ministro: Ciaccia
Registrato alla Corte dei conti il 9 agosto 2012
Ufficio di controllo atti Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti e del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio
e del mare, registro n. 10, foglio n. 14


La Gazzetta degli Enti Locali è un servizio Maggioli Editore - Gruppo Maggioli