Questo articolo è stato letto 682 volte

Quando il diritto di accesso è soddisfatto con la mera pubblicazione?

Quando il diritto di accesso soddisfatto con la mera pubblicazione?

Risulta legittimo il rigetto opposto ad un’istanza di accesso ad atti concernenti i beni immobili e la gestione del patrimonio, per i quali è prevista la pubblicazione obbligatoria nella sezione “Trasparenza” del sito web dell’Ente. Il diritto d’accesso è in tal caso soddisfatto con la mera pubblicazione. Ad evidenziarlo è una recente ed interessante sentenza del Consiglio di Stato (Sez. V) datata 23 febbraio 2018, n. 1148.

Gli atti soggetti a pubblicazione obbligatoria

Affermano i giudici che “per gli atti soggetti a pubblicazione obbligatoria ai sensi del d.lgs. 33/2013 il relativo diritto di accesso è soddisfatto con la loro mera pubblicazione. Nel caso di atti soggetti a pubblicazione il diritto si esercita da parte di chiunque direttamente e immediatamente, senza autenticazioni o identificazioni, rendendo obsoleta e superata la tradizionale forma di accesso documentale che, riguardo ai predetti atti, risulterebbe inefficiente perché comporterebbe una duplicazione di attività e procedimenti amministrativi, priva di utilità pubblica o privata”.

Cosa stabilisce il Decreto Trasparenza?

Infatti, l’art. 2 del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 (Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni), stabilisce: “Le disposizioni del presente decreto disciplinano la libertà di accesso di chiunque ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni e dagli altri soggetti di cui all’articolo 2-bis, garantita, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti, tramite l’accesso civico e tramite la pubblicazione di documenti, informazioni e dati concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni e le modalità per la loro realizzazione” (comma così sostituito dall’art. 3, comma 1, d.lgs. n. 97/2016).

>> CONSULTA LA SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO (SEZ. V) 23 FEBBRAIO 2018, n. 1148.

La legge 241/90 commentata con la giurisprudenza

La legge 241/90 commentata con la giurisprudenza

Serafina Frazzingaro - Giuseppe Raffaele Macr - Pierluigi Rotili, 2017, Maggioli Editore
La recente riforma Madia (legge n. 124/2015) ed i relativi decreti attuativi hanno inciso notevolmente sull’azione e sull’organizzazione della Pubblica Amministrazione e, in particolare, sull’assetto del procedimento amministrativo come disciplinato dalla legge n. 241/1990 e...

34,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *