Questo articolo è stato letto 1.017 volte

Pubblica Amministrazione, arriva il concorso unico con prove operative

Concorso unico Pubblica Amministrazione

Sono in fase di definizione le regole per il “concorsone” unico della Pubblica Amministrazione: la direttiva del ministro per la semplificazione e la PA Marianna Madia sarà infatti oggi sui tavoli della Conferenza Unificata (in programma questo pomeriggio), per l’ultima verifica necessaria ad attuare quello che insieme alla “programmazione dei fabbisogni” si configura come uno dei pilastri della riforma del reclutamento nella Pubblica Amministrazione italiana.

Il concorso “fortemente consigliato per le amministrazioni territoriali”

Il concorso è obbligatorio per le amministrazioni centrali e “fortemente consigliato” per quelle territoriali. Il suo obiettivo, oltre a una riduzione dei costi del reclutamento, è quello di uniformare le regole e fissare “criteri oggettivi e uniformi di valutazione” dei candidati al posto pubblico.
Come si legge sul Sole 24 Ore di questa mattina “Sul piano operativo, le selezioni dovranno puntare a verificare le capacità dei candidati di applicare le conoscenze a specifiche situazioni o casi problematici, mandando in soffitta le prove concorsuali scolastiche o nozionistiche che finora hanno dominato i concorsi pubblici. Ai candidati potrà essere chiesto anche di preparare atti amministrativi, circolari e simili”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *