Questo articolo è stato letto 7 volte

Primo appalto col «prezzo soglia»

NAPOLI – Il Provveditorato alle opere pubbliche per la Campania e il Molise ha introdotto un nuovo metodo antiribasso nei bandi di gara per appalti pubblici. È s stata aggiudicata in Campania, infatti, la prima gara a procedura aperta col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (calcolata sulla base del prezzo, del tempo e dell’offerta tecnica) con l’introduzione del “prezzo soglia” e del “tempo soglia”. Il bando è relativo al recupero dell’edificio comunale di Torre del Greco (Na) al largo Costantinopoli e annessa ex pescheria, con il Provveditorato in qualità di stazione appaltante per conto del comune. La nuova procedura (articolo 83 comma 2 del decreto legislativo 163/2006) stabilisce che il punteggio per l’elemento prezzo e l’elemento tempo viene determinato con media matematica di prezzi e dei tempi di esecuzione offerti da tutti i partecipanti e calcolati all’apertura delle buste. Viene poi attribuito il punteggio massimo a tutte le offerte con prezzo e tempo pari o inferiore alla soglia media. Di conseguenza non verrà premiato con un punteggio maggiore chi applica lo sconto più alto rispetto alla base d’asta. Spiega Maria Teresa Mincione, responsabile dell’ufficio gare e contratti del Provveditorato: «Il meccanismo che si è rivelato efficace. Se dalla media delle offerte economiche presentate in sede di gara risulta un ribasso, ad esempio, del 20%, tutti coloro che hanno presentato uno sconto del 20% o inferiore otterranno il punteggio massimo. Stesso discorso vale per i tempi di esecuzione. In questo modo acquisterà maggior valore l’offerta tecnica migliorativa». Mentre l’elemento prezzo e quello tempo vengono calcolati con una procedura matematica, la valutazione dell’offerta tecnica è a discrezione della commissione. «Il Provveditorato alle Opere Pubbliche ? commenta Rodolfo Girardi, presidente dell’Acen ? indica una linea di condotta corretta e efficace. Il prezzo e il tempo soglia hanno il pregio di contenere i ribassi eccessivi che, purtroppo, dilagano nel mercato dell’edilizia».

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore Sud

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>