Questo articolo è stato letto 44 volte

Politiche sociali, disabilità: ok al decreto di ricostituzione dell’Osservatorio Nazionale

Politiche sociali, disabilità

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha firmato nella giornata di ieri il decreto di ricostituzione dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. L’Osservatorio ha funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico per l’elaborazione delle politiche nazionali in materia di disabilità, con particolare riferimento:
– alla promozione dell’attuazione della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità;
– alla predisposizione di un programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità;
– alla promozione della raccolta di dati statistici e della realizzazione di studi e ricerche sul tema;
– alla predisposizione della relazione sullo stato di attuazione delle politiche sulla disabilità.

Programma per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità

Nella serata di lunedì il Consiglio dei ministri ha approvato, in via preliminare, il secondo Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità. Il documento sarà ora sottoposto, ai fini della definitiva approvazione, all’intesa della Conferenza Unificata. Si tratta di un documento di rilevanza centrale, definito dall’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, discusso ed approfondito anche nell’ambito della V Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità.

Le linee di intervento del Programma

Il Programma si struttura in 8 linee di intervento:
– riconoscimento/certificazione della condizione di disabilità e valutazione multidimensionale finalizzata a sostenere il sistema di accesso e la progettazione personalizzata;
– politiche, servizi e modelli organizzativi per la vita indipendente e l’inclusione nella società;
– salute,
– diritto alla vita,
– abilitazione e riabilitazione;
– processi formativi e inclusione scolastica;
– lavoro e occupazione;
– promozione e attuazione dei principi di accessibilità e mobilità;
– cooperazione internazionale;
– sviluppo del sistema statistico e di reporting sull’attuazione delle politiche.

Tutto il Programma si fonda sul principio di uguaglianza sostanziale delle persone con disabilità rispetto al resto della popolazione, in vista del superamento di tutte le forme di diseguaglianza aggiuntive (di genere, di età e territoriali), per rispondere alla giusta e ineludibile richiesta di cittadinanza piena e integrale delle persone con disabilità, in coerenza con le previsioni della Convenzione ONU sui loro diritti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *