Questo articolo è stato letto 0 volte

Personale province: oggi si compie il destino per 20mila dipendenti

È il giorno decisivo per le province. O forse quello dell’ennesimo rinvio. Oggi, 31 marzo 2015, è la data in cui ufficialmente “scadono” dal proprio ruolo i dipendenti delle province a seguito della riforma Delrio dello scorso anno.
Dopo quasi 12 mesi dall’entrata in vigore della riforma che ha cambiato per sempre i connotati dell’ente provinciale, dunque, si compie il destino di circa 20mila lavoratori negli uffici delle province italiane, così come stabilito dalla circolare del Ministero della Funzione pubblica, emanata lo scorso 30 gennaio.

Più che una circolare, un piano completo di riassetto del pubblico impiego, dal momento che, al suo interno, non solo sono contenute essenzialmente le disposizioni per la redistribuzione del personale nelle province, ma per l’intero comparto dei dipendenti statali che sarà affetto dal terremoto negli organi intermedi, passando per la mobilità fino alle neonate città metropolitane.
Non a caso, il suo nome è “Linee guida in materia di attuazione delle disposizioni in materia di personale e di altri profili connessi al riordino delle funzioni delle province e delle città metropolitane. Articolo 1, commi da 418 a 430 della legge 23 dicembre 2014, n.190″.

Dopo il passaggio – rimasto solo sulla carta, almeno finora – dello scorso 1° marzo, entro cui le amministrazioni avrebbero dovuto redigere piani di riassetto economico, organizzativo, economico, finanziario e patrimoniale, fissando le procedure per la mobilità per mezzo di un apposito decreto ministeriale, scadono dunque i termini per la definizione del destino per i dipendenti provinciali.

Gli adempimenti che oggi figurano al capolinea, infatti, sono nell’ordine:

  • Articolazione con dotazione organica del personale per lo svolgimento delle funzioni fondamentali degli enti di area vsta;
  • Elenco del personale che rimane assegnato all’ente di area vasta per l’esercizio delle funzioni fondamentali;
  • Elenco del personale distinto in relazione alle diverse procedure di mobilità di cui potrà essere destinatario;
  • Elenco del personale da collocare a riposto entro il 31 dicembre 2016;
  • Avvio rilevazioni domanda e offerta di mobilità;
  • Verifica del rispetto degli obblighi di riduzione.

Ora, dal momento che il governo non ha portato a termine nessuno dei suddetti impegni entro il termine prefissato, risulta difficile credere che, proprio oggi, tutti questi punti verranno soddisfatti così come disposto dalla circolare.

Ma, al di là degli obblighi burocratici, quello che rimane congelato è il destino dei dipendenti delle province che, almeno in 8mila saranno allontanati dall’attuale luogo di lavoro per essere spostati in altri enti, talvolta a molti chilometri di distanza, o in alternativa saranno diretti a ingrossare le liste di mobilità o, ancora, potranno ritrovarsi in prepensionamento.

Il timore di tutti è che, da esuberi designati, i dipendenti statali possano finire in un limbo senza un esito prevedibile, tra continui rinvii amministrativi e l’impeto riformatore del governo che sembra più preoccupato di mostrare eventuali risultati – l’abolizione delle province insegna – anziché del modo migliore con cui guidare il cambiamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *