Questo articolo è stato letto 0 volte

Napolitano: “Europa portatrice di pace e solidarietà. Mai dimenticarlo”

Non bisogna mai dimenticare “quello che l’Europa, l’integrazione europea, ci ha dato da decenni: innanzitutto proprio la pace e la solidarietà”. E’ un appello quello che lancia il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante il tradizionale messaggio di fine anno agli italiani. Un appello a ritrovare nelle radici della sua costruzione il senso vero dell’Unione Europea.

L’Europa unita, ricorda ancora il Presidente Napolitano, ha rappresentato anche “un sempre più ampio riconoscimento di valori e di diritti che determinano la qualità civile delle nostre società”. Gli esempi permettono al Presidente della Repubblica di guardare al nostro Paese e a come spesso quei valori e quei diritti vengano “nella pratica spesso calpestati”. E’ il caso “della tutela dell’ambiente – basti citare il disastro della Terra dei fuochi – del territorio, del paesaggio”. O dei diritti umani, diritti fondamentali “compresi quelli che purtroppo sono negati oggi in Italia a migliaia di detenuti nelle carceri più sovraffollate e degradate”.

Non nasconde il Presidente Napolitano come “molte cose debbono oggi certamente cambiare nell’Unione Europea”. E il ruolo del nostro Paese nel 2014 potrà assumere un significato importante: “in tal senso dovrà operare l’Italia, specie nel semestre di sua presidenza dell’Unione, senza che nessuno degli Stati membri si tiri però indietro e si rinchiuda in un guscio destinato peraltro ad essere travolto in un mondo radicalmente cambiato e divenuto davvero globale”.

Leggi il messaggio integrale del Presidente della Repubblica

(Fonte: Dipartimento politiche europee)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>