Questo articolo è stato letto 1 volte

Multe e sinistri in pdf. Senza costi

I soggetti interessati all’accesso agli atti di un sinistro stradale o di una multa d’ora in poi potranno inoltrare la richiesta di copia informale solo utilizzando la posta elettronica certificata (pec). L’operazione, esente da bolli, risulterà estremamente semplificata e molto più economica sia per la pubblica amministrazione che per l’interessato. Lo ha stabilito il ministero dell’interno con la circolare n. 300/a77138/11/101/138 del 2 settembre 2011. La gestione delle pratiche di accesso agli atti dei sinistri stradali e delle contravvenzioni rappresenta un notevole onere burocratico per i servizi di polizia. Per semplificare queste procedure l’organo di coordinamento dei servizi di polizia stradale ha quindi fornito innovative indicazioni finalizzate a potenziare l’impiego dei sistemi di posta elettronica certificata, più convenienti anche per il richiedente. L’accesso agli atti di polizia stradale, infatti, si può concretizzare in vari modi ovvero con la visione diretta degli originali, la trascrizione del loro contenuto e l’acquisizione di copia informale o formale (in bollo) del documento. La modalità consigliata dal ministero dell’interno è quella di acquisire copia informale del documento mediante posta elettronica certificata. Il documento richiesto in questo caso sarà trasmesso in pdf, senza pagamento di imposte e generalmente senza spese. Spetterà infatti ad ogni singola amministrazione stabilire eventuali costi da imputare a questa veloce formula di trasparenza amministrativa. La domanda per l’accesso semplificato, prosegue la nota centrale, può essere inoltrata con posta elettronica certificata oppure tradizionale cartacea. Ma solo se nella richiesta l’interessato comunicherà una casella di posta elettronica certificata l’operazione sarà esente da bolli. Diversamente, come nel caso di richiesta di tradizionale copia conforme all’originale, gli atti saranno soggetti sia al pagamento dell’imposta di bollo che ai costi di riproduzione. Questa nuova modalità semplificata per l’accesso agli atti varrà non solo per i sinistri ma anche per le infrazioni e i procedimenti sanzionatori stradali. Nel caso di richiesta di accesso al fascicolo di un incidente stradale, conclude la nota, se il sinistro ha assunto rilevanza penale servirà sempre il nulla osta dell’autorità giudiziaria per poter ottenere l’ostensione della pratica da parte della polizia.

Continua a leggere su: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>