Questo articolo è stato letto 65 volte

Manovrina 2017: i fondi resi disponibili per la realizzazione di eventi sportivi

Manovrina 2017

di ALESSANDRA VILLA

Il capo III del decreto legge 50/2017 (il decreto che dà vita alla cosiddetta “Manovrina 2017” pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 aprile) contiene importanti novità in tema di investimenti per eventi sportivi.
Novità che interessano da vicino le realtà territoriali coinvolte.

Manovrina 2017: i fondi per gli eventi sportivi

L’art. 61 si occupa dei campionati mondiali di sci alpino che si terranno a Cortina d’Ampezzo nel marzo 2020 e nel febbraio 2021.
La definizione del piano di interventi è rimessa a commissario nominato con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, sentiti il presidente della regione Veneto, il presidente della provincia di Belluno, il sindaco del comune di Cortina d’Ampezzo e dal legale rappresentante delle Regole d’Ampezzo (soggetto di diritto privato cui la Regione Veneto ha riconosciuto la valenza di occuparsi del patrimonio ambientale e che dal 1990 gli ha affidato la gestione del Parco Naturale Regionale delle Dolomiti d’Ampezzo, primo caso in Italia di un parco regionale amministrato da un soggetto privato).
Per quanto concerne gli interventi da attuare si tratta della progettazione e realizzazione di nuovi impianti a fune; dei relativi collegamenti; di nuove piste per lo sci; della riqualificazione dell’area turistica della provincia di Belluno in particolare del comune di Cortina d’Ampezzoanche mediante la creazione di infrastrutture e di servizi destinati allo sport, alla ricreazione, al turismo sportivo, alle attività di somministrazione di alimenti e bevande e all’attività turistico – ricettiva” (c. 1).
I fondi saranno resi disponibili dal comitato organizzatore, dalla regione Veneto, dalla provincia di Belluno,  dal Comune di Cortina d’Ampezzo. La manovrina 2017 stanzia 5 milioni di euro per il 2017, 10 milioni per gli anni che vanno dal 2018 al 2020 e 5 milioni per il 2021.

Per la realizzazione del progetto, la Manovrina individua un commissario nella persona del presidente pro tempore della Società ANAS SpA nominato allo scopo; ANAS SpA è individuata stazione appaltante.
Il progetto è dichiarato di pubblica utilità ed urgenza, qualificato di preminente interesse nazionale e automaticamente inserito nelle intese istituzionali di programma e negli accordi di programma quadro.
Le opere realizzate entreranno nel patrimonio della regione Veneto o degli enti locali territorialmente competenti. Invece, gli interventi di viabilità statale entreranno a fare parte del patrimonio di ANAS SpA.

L’art. 63 della Manovrina si occupa del progetto Ryder Cup 2022 per la quale lo Stato concede la garanzia “fino a 97 milioni di euro” che va ad aggiungersi alla parte non coperta dai contributi dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *