Questo articolo è stato letto 21 volte

Mancano gli etilometri: chiuso da un anno il centro che li testa

Aiuto, stanno finendo gli etilometri. Nel senso che si è creato un serio ingorgo nell’unico stabilimento adatto alla taratura annuale, e perciò si ritiene che sia funzionante solo la metà degli apparecchi italiani che occorrono per misurare il tasso alcolemico nel sangue di un guidatore. Da quasi un anno è fermo infatti il Centro superiore ricerche prove autoveicoli e dispositivi (Csrpad) del ministero delle Infrastrutture, con sede a Roma. Funziona solo un analogo Centro a Milano. Così i numeri delle tarature sono divenuti impietosi: di 2.075 etilometri consegnati dalle forze di polizia nel corso dell’anno, ne sono stati testati 1.565 e altri 510 sono ancora in attesa per le prove.
Molti altri apparecchi sono però prossimi alla scadenza annuale. In tutto si stima che siano 4.000 almeno gli etilometri in Italia. Ciò significa che nel giro di poche settimane i centri ministeriali saranno invasi da altri duemila apparecchi o giù di lì. E la struttura di Milano non sarà in grado di effettuare la taratura nei tempi necessari. La situazione nell’immediato non potrà che peggiorare….

Continua a leggere su: La Stampa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>