Questo articolo è stato letto 0 volte

L’esperienza con i social media della Provincia autonoma di Trento

I servizi
La Provincia autonoma di Trento da qualche mese ha provato a fare un “salto” comunicativo e di “mentalità”, lanciandosi nel mondo dei social network. Da fine settembre 2010, infatti, l’amministrazione provinciale su spinta del capo ufficio stampa e responsabile della comunicazione Giampaolo Pedrotti è presente nell’ecosistema informativo 2.0 con una propria pagina Facebook ufficiale, un account Twitter e FriendFeed, un potenziamento del proprio canale Youtube e l’apertura di uno spazio su Flickr per le proprie gallerie fotografiche. Interessante inoltre l’integrazione con il portale istituzionale avvenuta su un doppio livello comunicativo: lato utente, con l’apertura di un nuovo filo diretto immediato (e gratuito) con e per il cittadino con l’apertura di un account Skype che fa riferimento direttamente agli uffici Urp dell’ente; dall’altro con il lancio effettivo della WebTv istituzionale, che quotidianamente propone al pubblico video e servizi sull’attività e la vita non solo politica e amministrativa dell’ente.”Siamo soddisfatti del riscontro ottenuto in questi primi mesi e di come è stata percepita la nostra presenza su media tradizionalmente poco vissuti e presidiati dalle  p.a. e da enti governativi – le parole di Giampaolo Pedrotti – ma siamo convinti che il futuro del rapporto e del dialogo con il cittadino sia ormai imprescindibile da queste forme di comunicazione e che le potenzialità di condivisione e di partecipazione offerte dai social network possano altresì migliorare il lavoro e la capacità di risposta e offerta di servizi della stessa  p.a. per lo stesso cittadino”.

Le motivazioni
Una scelta, quella dell’amministrazione trentina di confrontarsi sul terreno della comunicazione 2.0, premiata oltre che dai numeri (nel solo dicembre 2010 il portale istituzionale ha fatto registrare 108.609 visitatori unici, 616.865 visite complessive, mentre la pagina ufficiale su Facebook conta ad oggi oltre 3000 iscritti) anche dal Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione che, nell’ambito di “Formez  p.a., la  p.a. che si vede”, concorso nazionale organizzato in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti, ha premiato proprio la comunicazione su Facebook dell’amministrazione provinciale trentina con il terzo posto della categoria “servizi interattivi”. Proprio la volontà di comunicare e relazionarsi in modo “meno istituzionale” con i cittadini/utenti e la necessità di avere un feedback dello stesso cittadino alle attività, iniziative, notizie e comunicazioni della stessa amministrazione hanno spinto l’ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento a scendere nell’arena del web 2.0. “L’affiancamento dei social network e l’uso dei nuovi strumenti di comunicazione uniti a quelli del portale istituzionale ci hanno consentito di ampliare il bacino di potenziali utenti/cittadini, raggiungendo trasversalmente ogni tipologia di pubblico – continua Pedrotti – in particolare quello più giovane, spesso distante dalla comunicazione politico-istituzionale e dalle attività della  p.a., avvertita come lontana o interpretata come “voce di palazzo”. Ma il successo di una comunicazione sui social network non si giustifica solo con la quantità di “account” e di spazi sociali presidiati in rete. Occorre una strategia di comunicazione e una pianificazione strategica dei contenuti che riesca a “giustificare” la presenza di un ente sui nuovi social media, che vivono dinamiche e modelli informativi altri rispetto a quelli della tradizionale comunicazione istituzionale. E proprio la capacità di gestione e di selezione dei contenuti si cela il successo ottenuto in questi mesi dalla Provincia autonoma di Trento sui social network, Facebook in particolare. “Non abbiamo voluto trasformare la bacheca in una semplice copia della nostra sezione dei comunicati stampa del portale istituzionale – spiega Pedrotti. Sappiamo bene che medium diversi hanno bisogno di stili e messaggi differenti ed è per questo che tramite Facebook abbiamo voluto offrire ai cittadini informazioni e notizie che avessero ai suoi occhi quel valore aggiunto che potesse giustificare il suo scegliere di diventare nostro fan su Facebook”. E intatti l’ufficio stampa dell’ente ha impostato la propria comunicazione sul social network su un modello fortemente improntato al”citizen oriente”. Un giusto mix che , accanto alle informazioni di pubblica utilità e all’attività di governo sia testuali che audiovisive (opportunità di lavoro, concorsi, delibere di giunta, eventi e appuntamenti) unisce anche video e post su curiosità e notizie dal mondo del web, delle nuove tecnologie e delle tendenze info-comunicative dei nuovi media e dei social network. Una “linea editoriale” che nelle prime settimane di attività ha dimostrato di incontrare il riscontro dei cittadini – 1800 quelli che hanno scelto di seguire la pagina ufficiale dell’ente nel primo mese di presenza sul social network e che oggi sfora quota 3000 “fan” – che hanno dimostrato ampia partecipazione all’attività di comunicazione dell’amministrazione su Facebook, con un’alta percentuale di feedback, richieste di informazioni, commenti e post in bacheca.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>