Questo articolo è stato letto 0 volte

Legge di stabilità 2014 da oggi in Parlamento

legge-di-stabilita-2014-da-oggi-in-parlamento.jpg

Si rompono gli indugi sulla legge di stabilità 2014. Il d.d.l. approvato dal Consiglio dei Ministri martedì scorso è oggi all’esame di Bruxelles e domani in Senato approderà in Senato, dove inizierà ufficialmente il suo percorso parlamentare, che si annuncia pieno di ostacoli e insidie.

Il contenuto della legge di stabilità prospetta interventi pari a 26 miliardi da qui al 2016 compreso, con 11 miliardi destinati all’anno venturo i quali, naturalmente, saranno i principali indiziati per scatenare un acceso dibattito tra Montecitorio e palazzo Madama.
Sono tante, infatti, le materie che la legge di bilancio ha deciso di toccare per i prossimi mesi e, nonostante il Governo si sia prodigato nel comunicare il mancato innalzamento delle tasse,  con la pressione fiscale in discesa di poco meno di un punto, c’è già chi storce il naso di fronte al piano di ridefinizione della spesa pubblica.
Si tratta, in particolare, dei sindacati, che hanno già minacciato lo sciopero generale dei dipendenti statali se le norme contenute nel d.d.l. stabilità non cambieranno alla svelta: tra le sgradite novità, la proroga del blocco ai contratti e lo stop al turnover.

Se i sindacati dovessero optare per lo sciopero generale “sarebbe un errore”. È il parere del viceministro dell’Economia, Stefano Fassina, intervistato su Radio 24. “Il governo Letta, come tutti i governi europei si trova a muoversi in vincoli stringenti e tutti dobbiamo averne consapevolezza”, ha spiegato aggiungendo che lo sciopero “potrebbe rappresentare per il governo un momento di difficoltà”. La legge di stabilità non contiene alcun “maxi-sconto alle banche”. Le misure inserite hanno l’obiettivo di “facilitare l’accesso al credito delle pmi”, ha chiarito ancora Fassina, aggiungendo che ascolterà le parti sociali e nel percorso parlamentare punterà ad indirizzare la legge “nella direzione dell’equità e del sostegno ai produttori”. “Spero di utilizzare meglio le risorse dell’Irpef e trovare ulteriori risorse per i Comuni”, ha proseguito confermando che sarà lui a gestire l’iter del ddl e il confronto con i sindacati. La riduzione del costo del lavoro, calcolata in media in circa 14 euro in più, non basta, ha ammesso il viceministro, puntualizzando però che “l’anno scorso di questi tempi parlavamo di aumento delle tasse. La situazione è difficile, il governo ha cercato negli spazi angusti di dare risposte”. Fassina ha quindi risposto alle critiche sulla nuova tassazione sulla casa: con la nuova service tax (la Trise) “pagheremo un miliardo in meno”, ha garantito.

Difficile, invece, attendersi altre novità nel comparto del fisco immobiliare: con il decreto di abolizione dell’Imu ormai giunto a destinazione – manca solo il bollino del Senato per convertirlo in legge definitivamente – sembrano intoccabili sia Tari che Tasi, i due volti della Trise, la nuova tassa che andrà a prendere il posto dell’imposta sugli edifici e della Tares, quella sui rifiuti.

Più probabile, invece, che si discuta a lungo sulle pensioni, uno dei capitoli più bistrattati in legge di stabilità: dopo annunci di uscite flessibili, di incentivi all’esodo e altre promesse mancate, nel testo approvato dal governo si è trovato spazio per il blocco delle indicizzazioni oltre i 3mila euro, più il contributo di solidarietà per gli assegni d’oro oltre i 100mila annui. Quest’ultimo punto, però, pare già in bilico per via delle resistenze dei ministri Pdl: si preannunciano lotta serrata tra i banchi delle Camere e nuovi motivi di frizione in maggioranza.

Un altro punto fondamentale riguarda il taglio del cuneo fiscale: le fanfare della vigilia, una volta presentato il testo, hanno lasciato spazio al duro impatto con la realtà: secondo le simulazioni, infatti, l’incremento in busta paga si tradurrà, per i lavoratori con reddito entro i 15mila euro, in appena 14 euro al mese in più: non proprio una rivoluzione. Ma c’è ancora tutta la strada del dibattito in Parlamento per migliorare lo sgravio dei contributi e renderlo davvero in grado di incidere sui bilanci di aziende e famiglie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>