Questo articolo è stato letto 94 volte

Legge di Bilancio: il parere positivo della Conferenza delle Regioni

Legge di Bilancio

È giunto parere positivo dalla Conferenza delle Regioni alla Legge di Bilancio 2018: le Regioni hanno ottenuto minori tagli per 375 milioni, rimangono tuttavia preoccupazioni sul fronte della sanità innanzitutto per il rinnovo del contratto del settore. A renderlo noto sono stati il presidente Stefano Bonaccini e il coordinatore al Bilancio Massimo Garavaglia al termine della seduta del 14 dicembre.

La soddisfazione dei vertici della Conferenza

“I 300 milioni tra indebitamento netto e riduzione del taglio che ci verrebbe concesso, è la risposta a quello che chiedevamo: è la misura necessaria per andare alla chiusura dei bilanci regionali con più tranquillità. Siamo poi soddisfatti per l’acquisizione di oltre 70 milioni per il trasporto dei disabili, una cifra doverosa. Tutto questo ci dà dell’ossigeno. Però abbiamo la preoccupazione riguardante il tema sanità: governo e parlamento dovrebbero riflettere sul contratto che si è iniziato a discutere; è curioso non riuscire a trovare una cifra anche per i lavoratori in sanità”.
“Le Regioni danno parere positivo alla luce dell’impegno del governo di risolvere una serie di criticità – ha affermato l’assessore Garavaglia – la più importante riguarda la parte non sanitaria: il governo si è impegnato a trovare una soluzione per quei 300 milioni di tagli che avrebbero colpito fondi dedicati, come la non autosufficienza e le politiche sociali. Questa partita è risolta, è un bene. Nelle prossime ore verranno presentati gli emendamenti. Sulla sanità rimarchiamo invece che il Fondo non può andare troppo sotto altrimenti ci rimettono i Lea (i livelli essenziali di assistenza); poi c’è il tema del contratto: vale circa 1,4 miliardi, di cui la metà sono nei bilanci delle aziende e questo fa parte del Fondo sanitario, ma la scelta di arrivare a fare un incremento maggiore del 3,5%, che noi condividiamo, non si tiene con gli atti che abbiamo oggi: mancano 700 milioni, c’è un buco, insomma, di questa entità”.

375 milioni per le Regioni

Di fatto arrivano dunque ulteriori 375 milioni per le Regioni. Lo prevede un emendamento del governo alla Manovra presentato in commissione Bilancio alla Camera, che conferma lo stanziamento annunciato dai vertici della Conferenza delle Regioni e delle province autonome. Un capitolo che viene così suddiviso: “100 milioni di euro per il 2018 in termini di saldo netto da finanziare” e 200 milioni all’anno nel triennio 2018-2020 “in termini di saldo netto da finanziare, indebitamento e fabbisogno” e che, per il prossimo anno si aggiungono ai primi 100. A queste risorse si aggiungono 75 milioni, sempre il prossimo anno, per “l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche e motorie”.

Il parere positivo della Conferenza

La Conferenza delle Regioni del 14 dicembre ha espresso un parere positivo in merito alla Legge di bilancio, evidenziando ancora problematiche rispetto alle risorse necessarie per il rinnovo dei contratti nel settore sanità. In particolare – nel sostenere le proprie ragioni – la Conferenza ha sottolineatoato il concorso positivo delle regioni a statuto ordinario alla manovra di finanza pubblica per l’anno 2018 che ammonta a 12,95 miliardi di contributo. Permangono i timori per la riduzione della spesa sociale che si andrebbe a creare in quanto il taglio strutturale in termini di indebitamento netto risulta non ancora coperto per l’anno 2018 per 2,694 miliardi. Il parere è comunque positivo alla luce dell’impegno del governo di risolvere una serie di criticità, con l’impegno da parte del dell’esecutivo di ristabilire i 300 milioni di tagli che avrebbero colpito in particolare proprio le politiche sociali.

>> CONSULTA IL PARERE POSITIVO DELLA CONFERENZA.

>> CONSULTA LA PAGINA SPECIALE DEDICATA ALLA LEGGE DI BILANCIO 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>