Questo articolo è stato letto 0 volte

La vita breve del sindaco sceriffo

E’ uno schiaffo a uno dei cardini della politica del ministro dell’Interno, Roberto Maroni. Lo stop della Corte costituzionale alla norma sui sindaci-sceriffi riporta al buon senso e toglie ai primi cittadini poteri già usati in malo modo. Sì, perché con il cosiddetto “potere di ordinanza”, allargato a dismisura dalle disposizioni del pacchetto sicurezza, si è visto di tutto e soprattutto divieti: da quello di calzare gli infradito in pubblico alla possibilità di utilizzare insegne luminose bilingue. Fondato dalla legge, il sistema – equilibrato, consolidato ed efficace – basato su prefetto-questore-sindaco è stato sbilanciato a favore di quest’ultimo e ha prodotto, com’era facile prevedere, risultati di dubbia efficacia ma spesso “creativi” fino al folclore. La scelta della Consulta di fatto riporta tutto all’origine e dimostra che le riforme a tutti i costi, a volte, possono scacciare la moneta buona anziché quella cattiva. Per Maroni è un’occasione di ulteriore riflessione nel giorno in cui deve cedere la gestione dell’emergenza umanitaria alla presidenza del Consiglio e al capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, neo-commissario di Governo.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>