Questo articolo è stato letto 5 volte

La sintesi dell’ANCI sulla situazione post terremoto Centro Italia e sulle modifiche alla legge sul verde urbano

la-sintesi-dell-anci-sulla-situazione-post-terremoto-centro-italia-e-sulle-modifiche-alla-legge-sul-verde-urbano.jpg

Si è svolta nella giornata di ieri presso la nella sede nazionale ANCI la riunione della Commissione Politiche Ambientali, Territorio e Protezione civile dell’ANCI presieduta dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti, ed alla presenza di Bruno Valentini, sindaco di Siena e delegato Anci alla Protezione civile, e di Filippo Bernocchi, delegato ad Energia e Rifiuti. Al centro dell’attenzione la situazione degli interventi di assistenza promossi dall’ANCI nelle zone colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto, la legge 154/2016 che presenta alcune criticità sulla gestione degli sfalci e delle potature del verde pubblico e ed un aggiornamento sulle attività ANCI-Raee.
“Abbiamo ricevuto dai funzionari presenti nelle zone colpite, e che partecipano al Dicomac, un aggiornamento della situazione che per certi versi è confortante per i passi compiuti nel superamento della prima emergenza”, ha spiegato Valentini. Che ha posto tuttavia l’accento “sull’enorme lavoro da fare viste le dimensioni del sisma e dei danni provocati”.

“Il nostro obiettivo – ha sottolineato il delegato ANCI – è in primo luogo garantire la continuità amministrativa in modo che ci siano sul territorio presidi amministrativi anche di pratiche semplici, tipo la valutazione dell’inagibilità dell’immobile. Abbiamo bisogno di costruire velocemente un supporto fisico Comune per Comune che dia garanzia: per questo  – ha aggiunto – serve che gli altri livelli istituzionali soprattutto le Regioni siano molto tempestivi e chiari, perché ci sono una serie di atti che competono loro”.
Infine, il sindaco di Siena ha lanciato un appello per la delicata fase della ricostruzione: “La generosità del Paese è stata enorme ma non ci si deve fermare. Pubbliche amministrazioni ed imprese devono continuare a mettere a disposizione personale, ora la generosità degli italiani si deve trasformare in attenzione ed efficienza”.

Nel suo intervento il sindaco Pizzarotti ha criticato i contenuti della legge 154/2016, il cosiddetto Collegato Agricoltura, che introduce novità sulla gestione degli sfalci e delle potature del verde pubblico. “Questa legge rischia di mettere in crisi tanti Comuni, vogliamo – ha spiegato il sindaco parmense – capire chi l’ha proposta e chi l’ha fatta votare senza coinvolgere minimamente le amministrazioni comunali”. Nello specifico se questi residui verdi “escono al ciclo dei rifiuti urbani non vengono più trattati dalle società che gestiscono la potature, ma vanno sul libero mercato dove il cittadino può rivolgersi”. Per questo come “Comuni chiediamo che la legge venga modificata sul punto e riportata come prima, eventualmente discutendola in un tavolo congiunto”.

Dal canto suo il delegato ANCI ad Energia e Rifiuti, Filippo Bernocchi, al termine dei lavori in commissione, ha ricordato come “perseguire iniziative sui territori quali parte integrante della comunicazione sui RAEE è al centro dell’azione dell’ANCI rispetto alle previsioni dell’Accordo sottoscritto lo scorso febbraio ed stato un elemento condiviso dalla Commissione”. “Tra l’altro – ha spiegato Bernocchi – è stato condiviso di approfondire il tema rispetto al funzionamento del sistema dei RAEE ed alla proprietà del rifiuto e di perseguire il dialogo con i soggetti coinvolti per superare alcune criticità. Infatti, gli oneri rispetto al raggiungimento degli obiettivi ricadono sulle amministrazioni anche quando viene a mancare il supporto di comunicazione locale che dipende dall’Accordo, situazioni in cui purtroppo ci siamo trovato in questi mesi ma che credo si potrà recuperare con la buona delle parti”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>