Questo articolo è stato letto 0 volte

La gara diventa elettronica

Le gare di appalto possono prevedere aggiudicazioni con aste elettroniche, e anche essere gestite interamente online. La disciplina è stabilita dall’articolo 85 del Dlgs 163, in base al quale le stazioni appaltanti possono stabilire che l’aggiudicazione dei contratti avvenga con un’asta elettronica, solo quando le specifiche dell’appalto possono essere fissate in maniera precisa e la valutazione delle offerte può essere automatica, basata su elementi quantificabili in cifre o percentuali. L’articolo 289 del regolamento stabilisce in via preliminare che l’asta elettronica sia svolta attraverso un sistema informatico di negoziazione con strumenti che consentono la presentazione delle offerte e la loro classificazione secondo criteri predefiniti. Le disposizioni più rilevanti sono invece contenute negli articoli da 291 a 293, che definiscono le modalità di partecipazione all’asta elettronica, le regole per la formulazione delle offerte migliorative e per la chiusura della procedura. La gara si può svolgere con un’unica offerta o con il sistema dei rilanci migliorativi (articolo 295). La gara si fonda sul sistema telematico, che crea e attribuisce automaticamente a ogni operatore user id e password ed eventuali altri codici necessari per operare. Alla ricezione delle offerte, la stazione appaltante trasmette in via elettronica a ogni concorrente la notifica del corretto recepimento dell’offerta e poi procede all’esame di dichiarazioni e documenti sul possesso dei requisiti di partecipazione; poi si esamina l’eventuale offerta tecnica e successivamente l’offerta economica. Al termine di queste attività il sistema produce in automatico la graduatoria. Tutte le caratteristiche della gara online devono essere evidenziate nel bando (articolo 296), all’interno del quale devono essere precisati i criteri di valutazione delle offerte. La gestione informatizzata delle procedure selettive è garantita anche dalla possibilità di ricorrere al mercato elettronico (articolo 328), che consente acquisti telematici di beni o servizi (con procedure per appalti sottosoglia o con procedure in economia) basati su un sistema (al quale sono abilitati i fornitori mediante uno o più bandi aperti) che attua percorsi di selezione del contraente interamente gestiti per via elettronica e telematica. Il sistema informatico di negoziazione provvede a predisporre automaticamente una graduatoria sulla base dei criteri scelti dalla stazione appaltante tra le opzioni proposte dal sistema stesso. Il contratto è stipulato per scrittura privata, che può consistere anche nello scambio dei documenti di offerta e accettazione firmati digitalmente dal fornitore e dalla stazione appaltante.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>