Questo articolo è stato letto 0 volte

La Camera ha approvato in via definitiva il decreto rifiuti

Commentando l’approvazione definitiva del “d.l. rifiuti” da parte della Camera (avvenuta il 20 gennaio scorso – 329 sì, 187 no e 3 astenuti – e che contiene disposizioni relative al subentro delle amministrazioni locali nella gestione del ciclo integrato), il Ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo ha affermato: ”Puntiamo ad una “normalità” efficiente in Campania nel settore dei rifiuti. In tale ottica vanno lette le modifiche apportate al provvedimento nel corso dell’esame parlamentare, e condivise dal Governo, che puntano a una ulteriore snellimento e accelerazione dell’iter per la costruzione degli impianti. Al medesimo obiettivo punta anche lo stanziamento di 150 milioni di euro di fondi Fas per la realizzazione dei piccoli impianti di trattamento che servono, specie in questa fase di transizione per ridurre ulteriormente i volumi conferiti nelle discariche. Una riduzione essenziale che passa in primo luogo per l’incentivazione della raccolta differenziata, che io ritengo la vera chiave di volta del problema rifiuti nel nostro paese.
“Ma puntiamo anche – ha sottolineato il Ministro – ad una “normalità condivisa” perché la soluzione del problema rifiuti non può passare per una conflittualità fra le istituzioni del territorio. Obiettivo di questo decreto non è quello di dividere, né di creare frizioni fra le istituzioni locali, bensì quello di aiutare la Campania a superare i ritardi e a innescare nel più breve tempo possibile un regime virtuoso di trattamento e smaltimento dei rifiuti in un sistema di collaborazione fra le diverse competenze locali e fra queste e lo Stato. Penso che questo obiettivo, anche grazie al costruttivo confronto che si è svolto in Parlamento, sia stato raggiunto”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>