Questo articolo è stato letto 0 volte

Italia declassata, emergenza crescita

Il declassamento di Standard & Poor’s è legato al peggioramento delle prospettive di crescita dell’Italia, che rendono più difficile la correzione dei conti pubblici. Un quadro che, se non cambierà, potrebbe indurre l’agenzia statunitense a un nuovo intervento sul rating a breve entro i prossimi 12-18 mesi. Il giorno dopo la mossa a sorpresa S&P conferma le valutazioni sull’Italia, vulnerabile ai rischi di peggioramento fiscale, economico e finanziario. E replica rivendicando la propria indipendenza a Palazzo Chigi che, con una nota ufficiale, ha contestato il downgrade come una scelta «dettata dai retroscena» della stampa e non dalla realtà delle cose, fatta soprattutto di impegno e di solidità. Il presidente Giorgio Napolitano ha ribadito la necessità di uno sforzo comune per il rilancio del Paese bollando come antistoriche le ipotesi di una secessione delle Regioni del Nord. A incalzare il Governo è stata anche la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia: subito le riforme, anche impopolari – ha ribadito – oppure il Governo vada a casa. Ieri intanto si è svolto al ministero dell’Economia l’incontro con imprese e banche in vista delle nuove misure da adottare per lo sviluppo. Presente anche Bankitalia che sarà coinvolta nella preparazione di un piano decennale.

Fonte: Il Sole 24Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>