Questo articolo è stato letto 0 volte

Incontro Berlusconi-Barroso: i temi trattati

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, ha incontrato ieri, lunedì 14 Marzo u.s., a Palazzo Chigi, il Presidente della Commissione dell’Unione europea, Josè Manuel Barroso.
Sono stati molti i temi al centro dell’incontro tra i quali: situazione in Libia, emergenza umanitaria, questione immigrazione, stabilità dell’euro
Prima di tutto, però, il premier ha voluto rinnovare la vicinanza e solidarietà al popolo giapponese. “Siamo a disposizione per dare tutta l’assistenza e l’aiuto al governo di Tokyo”, ha detto, ricordando che questo “è un momento certamente non facile per la comunità internazionale“.
Riguardo alla situazione nel nord africa e all’emergenza umanitaria in corso, il premier ha affermato di aver invitato gli stati europei ad aggiungersi alla missione umanitaria italiana, che ad oggi è l’unica sul territorio tunisino a fornire assistenza con tende, viveri e medicinali a circa dodicimila persone.
Sulla questione immigrazione Berlusconi ha ringraziato Barroso per quanto fatto finora, con particolare riferimento al rafforzamento della missione dell’agenzia Frontex e per l’intenzione di presentare presto un piano per la gestione dei flussi migratori. L’immigrazione è un problema comune e va affrontato e risolto con la collaborazione di tutta l’Europa.
Riguardo al vertice dell’eurogruppo dell’11 marzo, secondo Berlusconi si è trattato di una tappa importante verso il Consiglio Europeo che si terrà il 24 e 25 marzo, che consentirà all’Europa di dare quella risposta economica che i mercati si aspettano. La stabilità dell’euro sarà assicurata con regole finanziarie più chiare e attraverso un rilancio della crescita e della competitività delle economie europee: questo l’obiettivo del patto per l’Europa approvato lo scorso venerdì. Il nostro governo, ha proseguito, intende continuare nell’azione di controllo della spesa pubblica, mirando a contrastare gli sprechi e a rilanciare l’economia con misure concrete (fonte Governo.it)

Approfondimenti:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>