Questo articolo è stato letto 0 volte

In vendita le prime dieci aree militari il Comune incassa il 15 per cento

In vendita le prime dieci (su 19) aree militari di Bologna, al Comune andrà il 15% del ricavato. L’accordo firmato ieri a Roma prevede bando ad ottobre e offerte entro la metà di dicembre. Sulle ex caserme più grandi, come Prati di Caprara ed ex Staveco, deciderà la prossima amministrazione. Il commissario Anna Maria Cancellieri ha siglato un accordo con il ministero dell’Economia e l’Agenzia del Demanio che dà il via libera fin da subito alla trasformazione di questi spazi. Si tratta dell’ex caserma Masini, l’ex Teatro della caserma Minghetti, la caserma Sani, l’ex birreria alla caserma Mameli, l’ex direzione lavori in via Triumvirato, i compendi già militari di Monte Paderno, via del Terrapieno, via di Barbiano, via Roncrio e Borgo Panigale.

Continua a leggere su: Repubblica, Bologna

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>