Questo articolo è stato letto 0 volte

Il Piano verde per città e Regioni: roadmap in 5 punti per rilancio sostenibile Italia

Un “Piano verde” per rilanciare l’Italia basato su tre punti centrali come le città-laboratorio, la valorizzazione del territorio e l’uso efficiente delle risorse. Questo il nucleo dell’ultima assemblea programmatica “Regioni e enti locali per la Green economy” in vista degli Stati generali della Green economy (il 6 e il 7 novembre a Rimini), organizzati in collaborazione con il Ministero dell’ambiente e il Ministero dello sviluppo economico e il supporto della Fondazione per lo sviluppo sostenibile.
La roadmap ambientale per Regioni e enti locali è contenuta in documento che, essenzialmente, delinea cinque tappe fondamentali. Tra queste, la programmazione dei Fondi strutturali per sviluppare l’innovazione nelle imprese e nei territori; i mercati verdi pubblici e privati considerando gli acquisti verdi di beni e servizi come leva di rilancio in chiave green del sistema produttivo e l’evoluzione green degli appalti pubblici; il credito e la fiscalità ambientale per esempio per il risanamento e la prevenzione idrogeologica, la riqualificazione dei centri storici, la ristrutturazione energetica nell’edilizia, nei trasporti urbani, e nei rifiuti; lo sviluppo di partnership pubblico-privato in ambito tipo la trasformazione dei distretti industriali in eco-distretti; e la tutela e valorizzazione dei territori considerando per gli Enti locali la possibilità di derogare al Patto di stabilità per spese di messa in sicurezza.
“La green economy – osserva il coordinatore del gruppo di lavoro sugli Enti locali, Gian Carlo Muzzarelli – è un processo complesso che presuppone un cambiamento radicale nella cultura che caratterizza la società” che sarà “tanto più radicale quanto più potrà essere generato dalle comunità locali che interpretano più velocemente i bisogni di una società in evoluzione”.

(Fonte: Ansa)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>