Questo articolo è stato letto 0 volte

Il patto di stabilità soffoca l’impresa

MILANO – A Cremona la Cna chiede «una revisione strutturale» del patto di stabilità, perché la lentezza crescente dei pagamenti «mette all’angolo le imprese, che non possono più contare su tempi ragionevoli indispensabili per la loro attività». A Parma gli edili dell’Unione industriale parlano di «situazione insostenibile» e di «rischi concreti di fallimento» per le imprese che lavorano con gli enti locali, e il sindaco Pietro Vignali ribatte in consiglio che «il comune ha 60 milioni di liquidità, ma il patto ci blocca». Il problema è sempre quello, e nasce dal fatto che le regole di finanza pubblica vincolano i pagamenti in conto capitale, cioè quelli legati agli investimenti comunali che spesso seguono un percorso pluriennale. Le risorse in cassa ci sono, ma non possono essere spese per non peggiorare i conti pubblici. Le critiche sono corali: la Corte dei conti, nell’ultima relazione sulla finanza locale, ha parlato di «regole irrazionali »,mentre l’Authority sugli appalti (determinazione 4/2010) ha condotto un’indagine ad ampio raggio registrando attese per i pagamenti che oscillano fra 92 e 664 giorni, con ritardi che accumulano debiti vicini ai 40 miliardi di euro. Il tempo non cambia il problema, ma la sua gravità. La manovra correttiva ha svincolato dal patto di stabilità circa 300 milioni di euro, contro gli 1,6 miliardi liberati l’anno scorso: a Milano, solo per fare qualche esempio, le risorse extra patto passano da 104 a 23 milioni, a Torino si va da 40 a 9 milioni e a Napoli da 57 a 16. L’Authority ha bocciato la prassi degli enti locali che già nei bandi allungano i tempi di pagamento rispetto ai limiti di legge (la regola generale prevede 30 giorni ed è fissata dal decreto legislativo 231/2002) e per evitare l’effetto domino nei ritardi ha suggerito che i contratti impongano alle imprese aggiudicatarie di pagare i subappaltatori con lo stesso giorno di valuta del credito liquidato dalla Pa. A rilanciare il tema interviene anche la Finco, la federazione di Confindustria che rappresenta i 20mila produttori di beni e servizi per le costruzioni edili e stradali, chiedendo di estendere gli obblighi previsti dal decreto 231 anche ai subappalti di lavori pubblici e ai contratti di subaffidamento di forniture con posa in opera. La stessa federazione ha scritto poi a un gruppo di senatori e presidenti di commissione a Palazzo Madama per chiedere che nei disegni di legge su semplificazione e regole anti-corruzione sia affrontato il tema dei pagamenti lumaca. I comuni, che negli ultimi mesi stanno anche attivando accordi con le banche per farsi anticipare i pagamenti, accusano soprattutto l’effetto trascinamento, legato al fatto che negli ultimi mesi del 2009 molti pagamenti sono stati rimandati al 2010, riducendo ulteriormente gli spazi per quest’anno. «Noi – aggiunge Angelo Falchetti, assessore al bilancio a Firenze – l’anno scorso abbiamo superato l’obiettivo di 27 milioni e in tanti hanno fatto lo stesso perché il conto definitivo delle risorse disponibili arriva solo a gennaio, e la prudenza frena anche risorse che poi si rivelano libere. Sarebbe logico che il governo permettesse di spendere questi soldi in più l’anno successivo ». Del tema si parlerà nelle prossime settimane nell’incontro promesso dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti ai sindaci in sede di accordo sulla manovra correttiva. Senza dimenticare che sul «bloccacassa» pesa anche un giudizio di legittimità costituzionale richiesto dalla Corte dei conti della Lombardia. Il verdetto dovrebbe arrivare entro fine anno, e c’è da segnalare che nelle ultime settimane la stessa sezione lombarda della Corte ha effettuato una serie di audizioni con i comuni della regione per fare un nuovo punto sul patto.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>